Martedì, 22 Giugno 2021
Attualità

“Il governo italiano vuole distruggere l'Europa”, l'accusa del commissario Ue

Il titolare del bilancio, il tedesco Oettinger punta il dito contro Salvini e Di Maio, ma anche contro Orban, Polonia e Romania

Il progetto europeo è in “pericolo mortale” dagli oppositori all'interno e all'esterno dell'Ue. E tra quelli interni c'è anche il governo italiano, che vuole “indebolirlo o persino distruggerlo”. Lo ha detto il commissario europeo al bilancio Günther Oettinger, secondo quanto riporta Politico.

Nel corso di un evento organizzato a Bruxelles dall'associazione federale dei servizi di assistenza della Germania, Oettinger avrebbe lanciato l'allarme: “A mio parere, il progetto europeo è in pericolo mortale,  alcuni in Europa vogliono indebolirlo o persino distruggerlo, come Polonia, Ungheria, Romania e il governo italiano”. 

Ma i rischi arrivano anche da fuori i confini Ue: ci sono gli “autocrati” che usano guerre commerciali e aggressioni, come il presidente russo Vladimir Putin, il presidente turco Recep Tayyip Erdo?an e “il cinese intelligente”.

Oettinger ha anche detto che il governo del proprio paese, la Germania, non mostra abbastanza entusiasmo per l'Ue, in particolare per quanto riguarda il bilancio, che, secondo il commissario, rappresenta la sfida principale per chi vuole tenere in piedi l'Ue. 

Già nei mesi scorsi Oettinger era balzato alle cronache italiche per via di una frase (poi smentita in parte) in cui preveda che “i mercati insegneranno agli italiani a non votare i populisti”. Un fosco presagio, vista la situazione attuale dei titoli di Stato. Pochi giorni fa, sempre Oettinger aveva poi criticato la “minaccia” di non versare i contributi dell'Italia al bilancio europeo lanciata dal ministro Luigi Di Maio dopo il caso della nave Diciotti. Minaccia rientrata, dal momento che Roma ha pagato la sua rata mensile regolarmente. E in anticipo. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Il governo italiano vuole distruggere l'Europa”, l'accusa del commissario Ue

EuropaToday è in caricamento