rotate-mobile
Lunedì, 22 Aprile 2024
Tensione altissima / Serbia

Nuovi scontri in Kosovo, la Serbia manda l'esercito al confine

I cittadini serbi in quattro municipalità hanno boicottato le elezioni e vogliono impedire ai sindaci albanesi di entrare in carica, la polizia ha usato la forza contro di loro. Belgrado: "Terrore in atto"

Il presidente serbo Aleksandar Vucic ha messo l'esercito del Paese in stato di massima allerta e ha ordinato alle unità dell'esercito di avvicinarsi al confine con il Kosovo. La decisione è arrivata dopo che sono scoppiati nuovi scontri tra manifestanti e polizia in una città a maggioranza serba nel Paese vicino. "È stato ordinato un movimento urgente di truppe verso il confine con il Kosovo", ha dichiarato il ministro della Difesa Milos Vucevic in una trasmissione televisiva in diretta. "È chiaro che il terrore contro la comunità serba in Kosovo è in atto", ha aggiunto. 

La polizia ha sparato gas lacrimogeni nella città di Zvecan per disperdere una folla che si trovava davanti a un edificio comunale. I manifestanti stavano cercando di impedire al neoeletto sindaco di etnia albanese di entrare in carica dopo un'elezione che i serbi del Kosovo avevano boicottato. Circa 50mila serbi residenti in quattro municipalità del Kosovo settentrionale, tra cui Zvecan, hanno evitato il voto del 23 aprile per protestare contro il mancato accoglimento delle loro richieste di maggiore autonomia, una nuova battuta d'arresto per l'accordo di pace di marzo tra Pristina e Belgrado, che era stato siglato dopo mesi di scontri e proteste grazie alla mediazione di Ue e Usa.

L'intesa in 11 punti tra Serbia e Kosovo per scongiurare lo scontro

In un comunicato, la polizia del Kosovo ha dichiarato che cinque dei suoi agenti sono stati leggermente feriti quando i manifestanti li hanno colpiti con pietre e altri oggetti. Quattro veicoli della polizia sono stati attaccati, uno dei quali è stato dato alle fiamme. Nell'area sono stati uditi anche degli spari. 

Blerim Vela, capo dello staff del presidente del Kosovo VjosaOsmani, ha accusato "le strutture illegali e criminali della Serbia" di aver inasprito le tensioni e le azioni contro le forze dell'ordine. "La violenza non prevarrà. La Serbia è pienamente responsabile dell'escalation", ha dichiarato in un comunicato. Diversi veicoli della missione di pace a guida italiana della Nato nella nazione sono stati visti nelle vicinanze del luogo dell'incidente, mentre elicotteri sorvolavano l'area, ha detto un giornalista della Reuters. Jeffrey Hovenier, ambasciatore degli Stati Uniti in Pristina, ha condannato l'azione della polizia. "Gli Stati Uniti condannano l'azione in corso da parte delle autorità kosovare per accedere agli edifici municipali nel nord del Kosovo. Le misure violente di oggi dovrebbero essere immediatamente interrotte", ha dichiarato su Twitter.

Usa e Ue impongono la pace tra Serbia e Kosovo, allontanati (per ora) i venti di guerra

Le proteste fanno seguito a elezioni locali ampiamente boicottate nelle quattro municipalità e la cui affluenza è stata del 3,47%. I serbi locali hanno dichiarato che non lavoreranno con i nuovi sindaci dei quattro comuni, tutti appartenenti a partiti di etnia albanese, perché non li rappresentano. I serbi della regione settentrionale del Kosovo non accettano la dichiarazione di indipendenza del Kosovo dalla Serbia del 2008, quasi un decennio dopo la fine della guerra nella ex Jugoslavia, e vedono ancora Belgrado come la loro capitale. Gli albanesi etnici costituiscono oltre il 90% della popolazione del Kosovo, mentre i serbi sono la maggioranza solo nella regione settentrionale.

Il Kosovo, ex provincia serba a maggioranza albanese, ha dichiarato l'indipendenza nel 2008 con il sostegno dell'Occidente a seguito della guerra del 1998-99 in cui la Nato è intervenuta per proteggere i cittadini di etnia albanese. L'indipendenza non è stata mai riconosciuta da Belgrado ma lo è stata comunque dalla maggior parte degli Stati occidentali e di quelli membri dell'Ue tranne Cipro, Grecia, Romania Slovacchia e Spagna. Il Paese è stato a lungo fonte di tensione tra l'Occidente e la Russia, che sostiene Belgrado nei suoi sforzi per bloccare l'adesione della nazione alle organizzazioni globali, tra cui le Nazioni Unite.

Continua a leggere su Today.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovi scontri in Kosovo, la Serbia manda l'esercito al confine

Today è in caricamento