No vax, Francia "contagiata" dai nemici delle punture

Il 10% dei bambini del Paese non ha fatto il vaccino contro il morbillo. Preoccupazioni di governo e autorità sanitarie per le campagne online che diffondono fake news

Sono undici i Paesi europei in cui i tassi di vaccinazione per il morbillo sono inferiori alla soglia di copertura di sicurezza, stabilita attorno al 93-95%. Mentre l’Italia manca questi obiettivi per un solo punto percentuale, la Francia si colloca ben al di sotto, con un tondo 10% di bambini non vaccinati contro la malattia che, secondo le stime dell'Organizzazione mondiale della sanità, quest'anno ha registrato circa 41mila casi e causato 40 morti.

Numeri che hanno messo in allarme le autorità sanitarie e il governo di Parigi, che negli ultimi tempi hanno assistito a una crescita esponenziale dei contenuti online che diffondono informazioni incomplete, approssimative e, talvolta, palesemente false riguardo i vaccini.

“Quando la bugia prende l'ascensore, la verità prende le scale. Ci vuole più tempo ma non preoccuparti, arriva sempre”, recita la descrizione del video intitolato “Testimonianza di una madre anti-vaccini”, che ha totalizzato 1,3 milioni di visualizzazioni su Facebook. Per otto minuti e mezzo una donna parla in francese dei “vaccini tossici” che “contengono alluminio e provocano gravi malattie”. 

“È un problema reale”, ha commentato la vicenda un funzionario del ministero della Salute. Interpellato dal sito Politico sulle contromisure prese dalle autorità, ha replicato: “Abbiamo pubblicato informazioni su Facebook e Twitter e collaborato con vari YouTubers per creare video, ma non siamo abbastanza per stare in ogni angolo del web”. “Abbiamo risorse limitate”, ha lamentato, “non possiamo avere 10 persone a tempo pieno sui social media”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una delle figure più controverse che animano questo dibattito è quella del medico Henri Joyeux, che parla quotidianamente ai suoi 150mila fan dalla sua pagina Facebook. In protesta contro il recente aumento da tre a undici vaccini obbligatori per i bambini, Joyeux ha dichiarato: “Non siamo contro i vaccini, ma perché siano usati saggiamente e che non ci sia di abuso”. Durante una conferenza, ha denunciato una “dittatura del vaccino” e la “manipolazione della popolazione”. Sostiene che “il migliore di tutti i vaccini è il latte materno”. Radiato dall’Ordine dei medici francesi nel 2016, è stato riammesso nell’associazione dei professionisti lo scorso 26 giugno, in nome della libertà d’espressione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In Svezia non c'è la seconda ondata, l'epidemiologo di Stato: "La nostra strategia è sostenibile"

  • "Chiamatemi Principessa", la figlia illegittima del re vuole i titoli. Ma la Casa reale dice no

  • “Salvini marionetta di Putin”, l'alleato di Berlusconi attacca la Lega

  • La Germania ha deciso: il vaccino per il coronavirus sarà volontario

  • I profitti sono cresciuti del 35%, ma Amazon paga solo il 3% di tasse in più

  • Sempre più Tory contro la violazione dei patti sulla Brexit, Cameron quinto ex premier a dire no

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento