Non solo i "Gafa", Bruxelles mette nel mirino Booking e AirBnB: "Paghino tasse dove fanno profitti"

Il commissario Ue Moscovici ha annunciato per fine marzo la riforma fiscale per "imbrigliare" i big del web, da Google ad Amazon, passando per Facebook e Apple: "Saranno proposte che faranno da elettroshock" al settore

La Commissione europea presenterà "alla fine di marzo" una riforma della tassazione delle società, in particolare per i giganti della Rete, "in modo che paghino le tasse laddove creano valore". Lo ha dichiarato il commissario per gli Affari economici e finanziari, Pierre Moscovici.

La proposta di Moscovici

"Alla fine di marzo, a nome della Commissione europea, presenterò una riforma ambiziosa e completa del sistema fiscale in modo che i giganti con oltre 750 milioni di fatturato possano pagare tasse dove creano valore ", ha dichiarato il commissario alla radio J Sunday. "Saranno proposte che faranno da elettroshock" al settore, ha anticipato aggiungendo che "lo faccio in consultazione con altri paesi dell'Ue, tra cui la Francia, che ha messo quest'iniziativa tra le sue priorità". Moscovici ha ricordato che l'imposta sulle società attualmente esistente nei paesi dell'Ue è stata creata negli anni '30 "del secolo scorso" e "non può comprendere l'attività del Gafa (acronimo per Google, Amazon, Facebook, Apple "che non hanno necessariamente una sede permanente", di cui "non sappiamo molto bene dov'è il personale" e di cui "non possiamo misurare l'attività".

I criteri per la tassazione dei "clic"

Moscovici ha proseguito spiegando che "lo spirito è quello di essere in grado di identificare l'attività delle aziende digitali, dobbiamo trovare una serie di indicatori, il numero di clic, il numero di indirizzi IP, la pubblicità che paga , il fatturato.alla fine. E poi troveremo meccanismi per tassarli ", ha detto. Secondo quanto da lui rivelato, la proposta mirerà "non solo alla Gafa" ma anche alle società più orientate ai servizi e al turismo, in particolare AirBnB e Booking.com.

"Quando si affitta una camera su Booking, si tratta di un reddito considerevole per questa azienda che non conosciamo realmente dove si trova e che paga pochissime tasse", ha detto ricordando che in media, le grandi aziende nella rete "pagano il 9% dell'imposta sulle società" nell'Unione europea "quando il resto delle aziende paga il 23%, compresi e in particolare gli SMI".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Dal 1 gennaio basterà un ritardo di pagamento di 100 euro per finire nella blacklist delle banche”

  • Bimba di 2 anni uccisa dalla polizia, mobilitazione internazionale per chiedere giustizia

  • George Clooney attacca Orban: “In Ungheria solo rabbia e odio”. La replica: “Consigliato da Soros”

  • Sci, Austria contro l'Italia: "Nostri impianti resteranno aperti, se Ue ci obbliga ci risarcisca"

  • Dopo il confinamento la Francia vede la fine del tunnel. In Spagna a gennaio partono le vaccinazioni

  • Neonazismo e antisemitismo: si dimette l'alleato olandese di Giorgia Meloni

Torna su
EuropaToday è in caricamento