“No alla moschea a Milano”, minacce sul web per la leghista Sardone

L'eurodeputata è stata bersagliata dai messaggi d'odio sui social dopo essersi espressa sul luogo di culto. Solidarietà dai vertici del carroccio

Silvia Sardone (European Parliament, 2020)

Silvia Sardone, eurodeputata della Lega e consigliera comunale di Milano, ha denunciato di essere stata tempestata per giorni da messaggi sui social contenenti minacce di stupro e di morte dopo essersi detta contraria alla costruzione di una moschea provvisoria progettata dal Comune di Milano. “Questi insulti - scrive la Sardone - moltissimi dei quali provenienti da profili di stranieri, evidenziano, una volta di più, che c'è un odio latente verso coloro che osano chiedere regole, controlli, sicurezza in merito al tema delle moschee”. “Non saranno certo queste minacce di stupro o di morte a fermarmi dal denunciare la sottomissione del Pd a certe comunità islamiche”, scrive l’eurodeputata. 

“Massima solidarietà a Silvia Sardone” è arrivata dagli europarlamentari della Lega Marco Zanni, presidente gruppo Identità e Democrazia, e Marco Campomenosi, capodelegazione Lega al Parlamento europeo. “Si tratta - sottolineano i due colleghi di partito - di parole di odio inaccettabili e gravi intimidazioni che vanno condannate senza se e senza ma: a lei tutta la nostra vicinanza, che ci auguriamo sia condivisa da tutte le forze politiche rappresentate al Parlamento europeo”. Solidarietà è arrivata anche dal leader della Lega Matteo Salvini

Schermata 2020-10-05 alle 19.15.40-2

L’eurodeputata promette di continuare “a stare al fianco dei cittadini che chiedono la chiusura delle moschee abusive, dopo aver ascoltato per anni le promesse del sindaco Sala ed essere poi rimasti delusi”. “Ho già dato mandato al mio avvocato per denunciare questa gentaglia”, ha poi annunciato la Sardone. “Ribadisco che le minacce di questi frustrati non mi fermeranno, la nostra battaglia a testa alta al fianco dei milanesi che dicono no alla moschea continuerà”, conclude.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Dal 1 gennaio basterà un ritardo di pagamento di 100 euro per finire nella blacklist delle banche”

  • L'Olanda legalizzerà la 'liquefazione' in alternativa alla cremazione o alla sepoltura dei morti

  • Bimba di 2 anni uccisa dalla polizia, mobilitazione internazionale per chiedere giustizia

  • In Romania una persona su quattro non ha i servizi igienici in casa, in Italia in 360mila

  • George Clooney attacca Orban: “In Ungheria solo rabbia e odio”. La replica: “Consigliato da Soros”

  • Sci, Austria contro l'Italia: "Nostri impianti resteranno aperti, se Ue ci obbliga ci risarcisca"

Torna su
EuropaToday è in caricamento