rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Attualità

L'esercito tedesco è infiltrato da neo-nazi. Il presidente tedesco ai soldati: "Denunciate i colleghi estremisti"

Continuano a emergere prove dei legami tra le forze speciali e gruppi dell'estrema destra in Germania. Il ministero della Difesa potrebbe sciogliere il reparto. Steinmeier: "La denuncia non è tradimento"

Prima, l'arresto di un sottufficiale che deteneva nella sua abitazione armi ed esplosivi appartenenti all'esercito. Poi l'inchiesta interna che ha rivelato la scomparsa dai magazzini militari di 60mila proiettili e almeno 62 chilogrammi di esplosivo, con il sospetto che l'arsenale sia finito a gruppi di estrema destra. E infine, in questi giorni, il caso della chat di neonazisti gestita da 3 soldati. Trova sempre più conferme la tesi dell'infiltrazione della destra radicale nel Comando forze speciali dell'esercito tedesco scandalo, il Ksk. Tanto che il presidente Frank-Walter Steinmeier si è rivolto ai soldati chiedendo di denunciare i commilitoni legati ai gruppi neonazisti.

Come i tre militari del Ksk, di cui uno ancora in servizio, che sono risultati tra gli animatori di una chat, aperta nel 2015 e chiusa nel 2017, in cui venivano condivisi messaggi e materiale di estrema destra. Una nuova scoperta frutto dell'indagine interna avviata dal ministero della Difesa tedesco nella scorsa estate. Nella prossima settimana, la ministra Annegret Kramp-Karrenbauer (a lungo candidata alla successione della cancelliera Angela Merkel), presenterà un rapporto provvisorio al Bundestag che, secondo diversi media, potrebbe portare allo scioglimento del Ksk. Le forze speciali non sono l'unico reparto dell'esercito accusato di fiancheggiamento agli estremisti, ma sembra quello più compromesso. 

Pochi giorni fa, il presidente Steinmeier ha rivolto un appello alle Forze armate affinché denuncino gli estremisti di destra nei propri ranghi. La denuncia, ha dichiarato il presidente tedesco, "non è un tradimento, non è una diffamazione, ma esattamente il contrario". Come sottolineato da Steinmeier, "l'onore della Bundeswehr (l'esercito tedesco, ndr) si basa su tradizioni liberaldemocratiche, oggetto del giuramento di fedeltà. Tutti i militari sono impegnati in queste tradizioni". Secondo Steinmeier, le Forze armate "non devono tollerare" al proprio interno "un contesto in cui emergano o addirittura crescano reti di estremisti di destra". Il presidente tedesco ha poi espresso la propria soddisfazione per il fatto che gli stessi militari si sono opposti alle attività e alle reti dei commilitoni della destra radicale. "E' molto positivo quando i militari ora danno suggerimenti su come contrastare l'estremismo di destra" nella Bundeswehr, ha osservato al riguardo Steinmeier. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'esercito tedesco è infiltrato da neo-nazi. Il presidente tedesco ai soldati: "Denunciate i colleghi estremisti"

Today è in caricamento