rotate-mobile
Martedì, 28 Giugno 2022
L'impegno / Svezia

Nato promette ingresso "veloce" a Svezia e Finlandia (e strizza l'occhio a Georgia e Moldavia)

Mosca ha minacciato gravi conseguenze se Helsinki e Stoccolma sceglieranno di aderire all'Alleanza, Stoltenberg: "Tutte le nazioni devono essere libere di scegliere il proprio cammino"

Quando Svezia e Finlandia decideranno di fare domanda per l'ingresso nella Nato, a loro verrà assicurato un percorso preferenziale e accelerato. “Al momento siamo dialogando con i due Paesi, la decisione spetta a loro, ma se lo vorranno saranno accolti a braccia aperte e il processo sarà veloce”, ha assicurato Jens Stoltenberg. Il Segretario generale dell'Alleanza Atlantica, parlando con la stampa al Parlamento europeo dove ha incontrato la presidente Roberta Metsola, ha anche inviato un messaggio a Mosca, e ha spiegato che si sta già studiando come “trovare un accordo per questo periodo intermedio, per cui non ci sia incertezza sul fatto che Finlandia e Svezia abbiano il diritto di scegliere il proprio cammino”.

Gli aggiornamenti dalla guerra in diretta

L'allargamento a Est della Nato viene criticato da anni da Vladimir Putin, che ha motivato l'invasione dell'Ucraina anche con la necessità di assicurare che Kiev non aderisca all'alleanza militare. La Russia, con la quale la Finlandia condivide un confine di 1.300 chilometri, ha minacciato di dispiegare armi nucleari e missili ipersonici nella sua enclave baltica di Kaliningrad se Helsinki e Stoccolma decideranno di entrare nella Nato. “Il fatto che la Russia minacci e tenti di intimidire” questi Stati, “dimostra che Mosca non rispetta il diritto di ogni nazione di scegliere il proprio cammino”, ha continuato Stoltenberg.

Il Segretario generale ha anche strizzato l'occhio ad altri due Paesi ex sovietici che la Russia vuole tenere fuori dalla Nato, mentre l'Occidente li sta corteggiando da tempo: Moldavia e Georgia. “La brutale invasione Ucraina dimostra la necessità per la Nato di fornire supporto a quei Paesi in Europa che non sono né membri Ue né Nato, come Moldavia e Georgia”, ha dichiarato Stoltenberg, precisando che si tratta di “supporto pratico e politico supporto”. Soprattutto la Georgia è considerata “un partner molto importante”, e come l'Ucraina nel 2008 ha ricevuto un impegno scritto per assicurarle l'adesione appena si fossero create le condizioni, cosa che ha fatto infuriare il Cremlino.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nato promette ingresso "veloce" a Svezia e Finlandia (e strizza l'occhio a Georgia e Moldavia)

Today è in caricamento