Giovedì, 28 Ottobre 2021
Attualità

Negozi aperti 24 ore e gli anziani con i parenti: così Londra vuole salvare il Natale

Il lockdown ha ridotto i contagi del 30% e il governo britannico ha deciso di permettere alle persone nelle case di cura di andare a casa per le festività

Il governo britannico vuole sfruttare il periodo natalizio per provare a dare una spinta all'economia del Paese e soprattutto aiutando quelle che sono le attività tra le più colpite dalla pandemia di coronavirus: i negozia che sono rimasti chiusi ancora una volta per tutto il mese di novembre a causa del secondo lockdown.

Negozi aperti più a lungo

Per farlo il Segretario di Stato ai Governi locali, Robert Jenrick, ha eliminato tutti i vincoli legali che limitano gli orari di apertura e chiusura facendo in modo che i Comuni potranno dare ai negozi la libertà di decidere per quanto tempo restare aperti, compresa l'opzione di concedere la possibilità di assicurare un servizio 24 ore su 24 e sette giorni su sette. “Nessuno di noi credo sia felice di muoversi tra la folla soprattutto in un momento in cui la distanza sociale è così importante per controllare il virus nel periodo finale prima del lancio del vaccino. Quindi, con queste modifiche i negozi locali potranno aprire più a lungo, garantendo uno shopping più piacevole e sicuro con meno pressione sui trasporti pubblici”, ha scritto Jenrick in un intervento sul Telegraph, in cui ha parlato anche delle sfide che il commercio online sta ponendo ai negozi affermando che seppur le opportunità siano tante, non bisogna abbandonare il commercio tradizionale che dà vita ai nostri quartieri.

Anzini e case di cura

E sempre per salvare il Natale Londra ha chiarito anche alcuni punti del suo piano già deciso secondo cui nei giorni tra il 23 e il 27 dicembre verranno eliminate le regole sul social distancing e i lockdown per le regioni che rimarranno nel Tier 3, il livello di allerta più alto e che è di fatto come un confinamento. Una delle cose che sono state decise è che gli anziani potranno lasciare le case di cura e andare a festeggiare con le proprie famiglie. "I residenti delle case di cura saranno, come tutti gli altri, in grado di trarre vantaggio, legalmente, dai regolamenti che consentono alle persone di formare una bolla natalizia, ma li invitiamo a seguire le linee guida nel farlo", ha detto un portavoce dell'esecutivo.

Inviti alla prudenza

Una decisione rischiosa, visto che gli anziani sono la categoria più vulnerabile al Covid-19, e che per questo è stata accompagnata da grossi inviti alla prudenza. "Ho due figli di sei e otto anni che sono disperati per la voglia di abbracciare i loro nonni, e anche io voglio abbracciare mia madre, mia sorella e il mio patrigno. Ma quello che dirò è: seguiamo le regole", ha detto il Segretario di Stato agli Esteri Dominic Raab, parlando a Times Radio. L'esponente del governo di Boris Johnson ha detto di sapere che "a tutti manca essere vicini ai propri cari e dispiace non poter dare abbracci e mostrare affetto”, ma “siamo all'ultimo giro di questa maratona e dobbiamo solo restare disciplinati per superare questa situazione una volta per tutte".

Il lockdown sta funzionando

E il lockdown che terminerà il due dicembre sembra abbia dato i frutti sperati. Uno studio dell'Imperial College fatto insieme a Ipsos Mori su 105.000 volontari in Inghilterra ha rileva che il secondo confinamento ha portato un calo del 30% dei contagi nel periodo tra il 13 e il 24 novembre. In quel periodo 96 persone su 10mila sono state infettate dal coronavirus, in calo dal 132 rilevato tra il 26 ottobre e il 2 novembre. "Queste tendenze suggeriscono che l'approccio a più livelli”, che era in precedenza in vigore, “ha contribuito a frenare le infezioni in queste aree e che il lockdown si è aggiunto a questo effetto", ha dichiarato il professor Paul Elliott dell'Imperial College.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Negozi aperti 24 ore e gli anziani con i parenti: così Londra vuole salvare il Natale

Today è in caricamento