Ue in soccorso di Babbo Natale: rafforzati i controlli sui giocattoli in tutta Europa

La commissaria ai Consumatori Jourova rivendica: “Verifiche in atto, i prodotti non a norma saranno ritirati. Abbiamo gli standard più elevati al mondo”

Ansa

Il Natale è alle porte e tra poco gli alberi nelle case degli europei saranno colmi di regali, soprattutto per i più piccoli. La Commissione europea per l'occasione ha messo in campo un'azione volta a testare giocattoli e luci natalizie per assicurare la loro sicurezza. Secondo i test quasi il 90% dei giocattoli nell'Unione non mostrarischi chimici e circa l'80% delle luci sono state ritenute sicure. "Vogliamo che tutte le vacanze siano sicure per i nostri figli e le nostre famiglie, in Europa apprezziamo la sicurezza dei consumatori e abbiamo uno dei più elevati standard di sicurezza al mondo”, ha rivendicato Věra Jourová, commissaria alla Giustizia e ai consumatori. “Grazie al sistema di allerta rapido, tutti i prodotti che non sono ritenuti a norma saranno presto ritirati dal mercato”, ha spiegato.

Attraverso il sistema di allerta rapido le autorità di tutta l'Ue si scambiano quotidianamente avvisi per assicurarsi che i prodotti venduti siano in regola con le norme di sicurezza e non costituiscano un rischio per i consumatori. Bruxelles ha anche lanciato una campagna di sensibilizzazione sui rischi che corrono i consumatori quando, magari per sostenere le spese natalizie, chiedono prestiti che potrebbero sembrare allettanti ma che poi nei fatti potrebbero non esserlo. Inoltre la Commissione ha ricordato che esiste una piattaforma di risoluzione delle controversie online (ODR), nel caso in cui i cittadini abbiano un problema con un prodotto acquistato in internet e quando il commerciante non rispetta le regole comunitarie.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Olanda legalizzerà la 'liquefazione' in alternativa alla cremazione o alla sepoltura dei morti

  • Bimba di 2 anni uccisa dalla polizia, mobilitazione internazionale per chiedere giustizia

  • In Romania una persona su quattro non ha i servizi igienici in casa, in Italia in 360mila

  • Sci, Austria contro l'Italia: "Nostri impianti resteranno aperti, se Ue ci obbliga ci risarcisca"

  • George Clooney attacca Orban: “In Ungheria solo rabbia e odio”. La replica: “Consigliato da Soros”

  • Perché Polonia e Ungheria bloccano il Recovery fund (e i fondi per l'Italia). E cosa c'entrano i migranti

Torna su
EuropaToday è in caricamento