menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I morti per coronavirus in Russia sono stati tre volte quelli delle cifre ufficiali

Putin vanta il sistema sanitario russo come il migliore del mondo nella lotta alla pandemia. Ma dai nuovi dati sulla mortalità (diffusi dallo stesso Governo di Mosca) emerge che il Paese è stato il terzo più colpito a livello globale dal Covid-19

Le autorità russe hanno ammesso che oltre l'80% delle morti in eccesso di quest'anno sono legate al Covid-19. Il che comporta una revisione al rialzo del bilancio delle vittime da stimare in un numero tre volte superiore a quello riportato in precedenza. Almeno 186.000 russi sono morti per cause legate al contagio da coronavirus nel 2020, a fronte di una stima ufficiale che finora parlava di appena 55.827 decessi legati alla patologia virale.

Il conteggio

I decessi in eccesso sono la differenza tra il numero totale di decessi registrati e la media delle morti nello stesso periodo degli anni precedenti. La vicepremier russa Tatiana Golikova è intervenuta negli ultimi giorni per spiegare che la stragrande maggioranza delle morti in eccesso sono causate dalla pandemia. “Più dell’81% dell’aumento di mortalità è dovuto al Covid”, ha spiegato ai giornalisti la rappresentate del Governo guidato dal presidente Vladimir Putin. La Russia è stata oggetto di critiche per molti mesi a causa del suo metodo di calcolo sulle morti ufficiali da Covid-19 in base al numero di esami post-mortem condotti sui pazienti nei quali venga riconosciuto il coronavirus come la principale causa di morte. In sostanza viene operata senza esami approfonditi quella difficile distinzione tra morti con Covid e morti di Covid. Tuttavia, ciò significa che la gran parte delle vittime della pandemia non vengono incluse nelle stime ufficiali.

Il terzo Paese più colpito del mondo

I nuovi numeri indicano che il bilancio delle vittime del coronavirus in Russia potrebbe essere il terzo più alto al mondo, dopo gli Stati Uniti (335.000 morti) e il Brasile, (192.000 vittime). In tutto il Paese sono stati segnalati almeno 3,1 milioni di infezioni. Secondo Rosstat, l'agenzia statistica russa, quest'anno sono morte 229.700 persone in più rispetto al 2019. Golikova ha anche affermato che la mortalità nei primi 11 mesi del 2020 è stata del 13,8% superiore rispetto all'anno precedente. Ma la vicepremier ha negato fermamente che il Governo russo abbia nascosto i dati sulla mortalità.

La speranza affidata a Sputnik V

Il presidente Putin ha riconosciuto il proprio sistema sanitario come il più efficace del mondo nell'affrontare il virus. La Russia da tempo ha riposto le sue speranze sul vaccino Sputnik V, ormai esportato anche in Bielorussia, Argentina e Ungheria, sebbene non sia stato approvato dall'Agenzia per i medicinali dell'Unione europea (Ema). Le vaccinazioni sono iniziate martedì in Bielorussia, con sette medici che hanno ricevuto il farmaco in una clinica di Minsk. Finora in Russia sono state somministrate circa 700.000 dosi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Estate alle Maldive? Il Paese offrirà il vaccino ai turisti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento