rotate-mobile
Martedì, 31 Gennaio 2023
Dramma

Minori che uccidono coetanei: nello stesso giorno tre casi hanno sconvolto l'Europa

In poco più di 24 ore quattro giovanissimi sono stati brutalmente assassinati in Francia, Regno Unito e Italia

Una macabra coincidenza ha colpito l'Europa nelle scorse ore: quattro giovanissimi sono stati brutalmente uccisi a distanza di poche ore l'uno dall'altro da alcuni loro coetanei. Gli omicidi, tutti effettuati per mano di minorenni, sono avvenuti in Italia, Francia e Regno Unito.

Sabato pomeriggio, nel sud-est di Londra, due sedicenni sono stati uccisi a coltellate da un loro coetaneo per motivi ancora da accertare. Kearne Solanke, la prima vittima, è stata trovata con ferite da taglio nella zona residenziale di Thamesmead, mentre Charlie Bartolo, la seconda, è stata scoperta poco dopo ad Abbey Wood, a poche centinaia di metri dalla prima scena del crimine. Domenica sera c'è stato un flusso costante di persone in lutto in entrambi i luoghi, e la gente del posto ha confermato che i ragazzi erano amici.  Per entrambi gli omicidi è stato arrestato un minorenne.

Nelle stesse ore, un adolescente di 14 anni è stato ucciso durante una rissa, nella regione di Yvelines, a pochi chilometri da Parigi. Secondo i primi elementi dell'inchiesta, a fine serata, verso mezzanotte, due bande di giovani si sono scontrate all'esterno di un locale: una proveniente dal quartiere Friches, a Maurepas, contro la banda "rivale" di Les Marchands, a Coignières. Secondo la procura di Versailles, la vittima è stata uccisa con un proiettile alla testa. Domenica pomeriggio, un giovane di 16 anni si è recato al commissariato di Argenteuil (Val-d'Oise), sostenendo di essere l'autore del colpo mortale. 

L'ultima tragedia è avvenuta in Italia, a Foggia, dove un giovane di appena 21 anni, Nicola Di Rienzo, è stato ucciso a colpi d'arma da fuoco. Secondo prime indiscrezioni, il crimine sarebbe stato commesso da un 17enne per motivi passionali.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Minori che uccidono coetanei: nello stesso giorno tre casi hanno sconvolto l'Europa

Today è in caricamento