La Corte Ue 'salva' il marchio del Milan

La società lo utilizza per i suoi servizi alberghieri e la Marriot affermava che avrebbe potuto creare confusione con il proprio

L'attaccante del Milan Krzysztof Piatek - foto Ansa Matteo Bazzi

Il marchio del Milan è salvo. Non quello che vediamo sulle magliette della squadra di calcio ma quello che la società utilizza in tutta una serie di servizi, tra cui quelli alberghieri. Il Tribunale dell'Unione Europea ha posto fine alla diatriba legale con AC Hotels By Marriott e AC Hotels Marriott bocciando un ricorso presentato dalla Marriott Worldwide Corp. sulla riconoscimento nel 2013 da parte dell'Ufficio Ue per la proprietà intellettuale del marchio AC Milan per farlo valere negli alberghi di proprietà della società.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Marriott si era opposta affermando che la sigla AC avrebbe potuto creare confusione con la propria catena di hotel. Nel 2017, l'Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale aveva già respinto il ricorso ma la Marriott aveva impugnato la decisione al Tribunale dell'Unione europea che oggi ha respinto a sua volta l'impugnazione escludendo che vi sia "qualsivoglia rischio di confusione, dal punto di vista visivo, fonetico o concettuale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Chiuderemo Facebook e Instagram in Europa", ecco il perché della minaccia di Zuckerberg

  • “Maxi-riciclaggio da 2mila miliardi”. Trema il settore bancario: coinvolti tre istituti europei

  • L'Irlanda mette in quarantena chi arriva dall'Italia

  • "Svezia verso l'immunità di gregge, lì la pandemia potrebbe essere finita"

  • Ryanar taglia il 40% dei voli a ottobre e accusa i governi Ue: "Cattiva gestione della crisi Covid"

  • Duemila pellegrini ebrei bloccati al confine ucraino, Kiev accusa: "Li spinge la Bielorussia"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento