Martedì, 19 Ottobre 2021
Attualità

Migranti nei vani motore per attraversare i confini, le nuove tecniche del traffico di esseri umani

L'Europol denuncia in un rapporto i nuovi trucchi utilizzati per favorire, a costi altissimi, gli ingressi irregolari degli immigrati in Europa

Stipati in camion come le bestie, o addirittura in alcuni casi nascosti nel vano del motore dell'auto, in viaggi pericolosi e costosi in cerca di una vita migliore, viaggi che spesso si concludono con l'arresto o peggio ancora la morte. Con gli sforzi dell'Unione europea per chiudere la rotta turca verso la Grecia e quella libica verso l'Italia, che stanno dando i primi frutti, i trafficanti di esseri umani stanno cercando nuove alternative per continuare il proprio business criminale e favorire gli ingressi irregolari di immigrati in Europa.

Secondo l'ultimo rapporto di Europol ci sono diverse nuove tecniche per aggirare i controlli delle forze dell'ordine da parte di questi criminali che fanno pagare fino a 7mila euro per un 'viaggio' dalla Turchia fino all'Austria. Innanzitutto sono state 'riaperte' le vecchie rotte del traffico di esseri umani, come quella nel Mar Nero, nello specifico dalla Turchia verso la Romania e non più verso la Grecia come nel periodo precedente all'accordo tra Ankara e Bruxelles. Poi sempre dalla penisola anatolica l'utilizzo di imbarcazione, spesso yacht, verso le nostre coste in Italia. Un'altra rotta molto utilizzata è poi quella verso le coste spagnole, più lontane dal nord Africa di quelle italiane ma meno controllate dalle guardie costiere e di frontiera. Infine per quanto riguarda le rotte terrestri l'Europol sottolinea come si utilizzino metodi di trasporto “potenzialmente pericolosi per i migranti”.

"Il contrabbando dei migranti è diventato un grande e pericoloso business in Europa”, ha denunciato il direttore esecutivo di Europol, Rob Wainwright, secondo cui “di fronte a una maggiore pressione da parte delle forze dell'ordine, i gruppi criminali si avvalgono di metodi disperati per contrabbandare le vittime di questo traffico al di là delle frontiere, spesso con conseguenze pericolose per la vita dei migranti”.

Le forze dell'ordine, afferma il documento, “hanno rilevato un crescente numero di incidenti che indicano tentativi di nascondere i migranti in vari modi nei veicoli attraverso le frontiere”, tra questi il più comune resta l'utilizzo di camion con persone stipate nel rimorchio in condizioni disumane. “Sovraffollamento, mancanza di aria e i viaggi ad alta velocità per eludere i controlli sono solo alcuni dei pericoli legati al contrabbando in strada”, continua il documento, denunciando come addirittura ora si usi il vano del motore per il trasporto delle persone. “Prima di avvicinarsi ai punti di attraversamento delle frontiere, i migranti sono posti nel vano motore del veicolo utilizzato per il loro trasporto. I migranti sono nascosti al di sopra del motore del veicolo sfruttando lo spazio disponibile tra il motore e il cofano”, racconta l'Europol.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Migranti nei vani motore per attraversare i confini, le nuove tecniche del traffico di esseri umani

Today è in caricamento