"Le navi militari Ue non sbarchino i migranti solo in Italia", ma a Vienna non c'è accordo

Niente intesa tra i ministri della Difesa europei sulla richiesta di Roma di riformare la missione Sophia. Mogherini: "Spero in un risultato concreto nelle prossime settimane"

L'Italia ha chiesto che le navi militari della missione Sophia non portino i migranti salvati nel Mediterraneo solo in Italia. L'Austria propone di impiegare i militari per le operazioni di Frontex, la guardia costiera europea, e contenere cosi' i flussi migratori. Ma su entrambe le richieste presentate oggi a Vienna nel corso della riunione dei ministri della Difesa degli Stati membri, l'Ue si è divisa. 

La riforma di Sophia

Al centro delle discussioni la riforma di Sophia, ossia la missione Ue che prevede l'impiego di navi militari per le operazioni di controllo delle frontiere e soccorso dei migranti nel mar Mediterraneo. L'Italia chiede a gran voce che la navi militari che soccorrono migranti non sbarchino solo in Italia, come previsto dalle regole attuali. “Un principio che noi consideriamo inaccettabile e che vogliamo rivedere – ha detto la ministra della Difesa Elisabetta Trenta - Come? Attraverso l'introduzione di un meccanismo di rotazione dei porti” e “istituendo un'Unità di coordinamento assimilata a Frontex, che si occuperà proprio di assegnare il porto al paese competente ogni qualvolta una nave della missione Sophia presterà soccorso in mare”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Mogherini fiduciosa

Richiesta che, a quanto si apprende, non avrebbe trovato consensi, a parte una tiepida apertura della Germania: “Oggi mi sento delusa perché ho visto che l'Europa non c'è, ma sono fiduciosa”, ha detto la stessa Trenta a margine della riunione con i colleghi. Anche l'Alta rappresentante Ue per la politica estera, Federica Mogherini, spera “in un risultato concreto nelle prossime settimane, non è un esercizio facile, ma ritengo che sia un dovere: in questi mesi l'Ue ha dimostrato che è in grado di fare la differenza nel Mediterraneo e perdere questo bene sarebbe un grande passo indietro per tutti gli Stati membri e sarebbe negativo per la sicurezza del Mediterraneo”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Olanda dice no all'obbligo della mascherina: "Inducono un falso senso di sicurezza"

  • Covid, Bruxelles verso il coprifuoco. E i giostrai protestano

  • "Telelavoro fino al 2021", la Svezia punta sullo smart working

  • L'Olanda gli nega l'asilo, siriano 14enne si suicida

  • In Francia mascherine anche all'aperto, i medici: "Assurdo per chi fa jogging"

  • Le Figaro celebra Conte: "Negoziatore di talento, esce rafforzato dalla crisi del Covid"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento