Centri per migranti nei loro Paesi? L'Africa dice no

Il presidente francese Macron in visita in Nigeria avverte che Stati del continente temono che organizzare i campi per conto dell'Europa possa essere un elemento di richiamo per i flussi

Il piano europeo di organizzare centri per i migranti in Africa, per fermare i flussi verso l'Europa, per quanto sia sembrata una buona idea a molti leader Ue, che ne hanno discusso nell'ultimo vertice a Bruxelles, si scontra con una realtà che è molto più complessa. I Paesi africani non sono affatto disposti a organizzare questi centri, temendo che possa essere un fattore di richiamo per flussi migratori sul proprio territorio.

È l'avvertimento fatto dal presidente francese, Emmanuel Macron, durante un viaggio in Nigeria. Questa idea non può partire solo su spinta dell'Europa e “può funzionare se alcuni governi africani decidono di organizzarli”, ha sottolineato il capo di Stato parlando alla Bbc. Ma al momento nessuno Stato del continente si è detto disponibile o sembra intenzionato a farlo. Macron ha dichiarato che la priorità deve essere quella di scoraggiare le persone dal prendere "rischi folli" per raggiungere l'Europa. Secondo l'Organizzazione internazionale per le migrazioni, oltre mille persone sono morte attraversando il Mediterraneo quest'anno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Durante il suo viaggio Macron ha assicurato agli imprenditori nigeriani che il suo scopo è aiutare l'Africa ad avere successo, offrire nuove speranze alla gioventù africana e persuadere gli europei che il continente è parte del loro "destino comune".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Per l'Ue anche l'Italia è zona rossa: si salva solo la Calabria (che però perde il "bollino" verde)

  • Svezia sicura della sua strategia, elimina anche le restrizioni per anziani e vulnerabili

  • L'Olanda manda i malati di Covid in Germania: "Nelle terapie intensive solo 200 posti ancora liberi"

  • Dopo la Brexit il Regno Unito pensa di espellere i senzatetto stranieri

  • La Corte Ue "salva" il taglio dei vitalizi agli eurodeputati italiani

  • Si rifiuta di stringere la mano alle donne. Negata cittadinanza a medico libanese

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento