“Più migranti accogli, più fondi Ue avrai”. L'idea di Merkel piace all'Italia

La cancelliera a Bruxelles propone di legare le risorse della politica di coesione all'accoglienza. Un messaggio diretto a paesi come Polonia e Ungheria. Tajani: “La regola della solidarietà gli Stati europei dell'Ovest la rispettano e ora aspettiamo solidarietà da quelli dell'Est"

Copyright: European Union

E' arrivata al Vertice di Bruxelles, scortata dal presidente francese Emmanuel Macron e dal premier Paolo Gentiloni, con una proposta che ha diviso non poco il tavolo dei leader Ue: collegare la ripartizione dei fondi europei tra gli Stati membri alle politiche d'accoglienza dei migranti. In altre parole, meno accogli, meno risorse avrai. E viceversa. E' questa la mossa della cancelliera tedesca Angela Merkel per rompere la resistenza di paesi come Polonia e Ungheria, tra i maggiori beneficiari dei fondi Ue, ma i più ostili ad aprire le loro porte ai rifugiati. In barba agli accordi sottoscritti più di due anni fa. 

Il muro di Visegrad

Varsavia e Budapest, infatti, si sono coalizzate da tempo con Repubblica Ceca e Slovacchia (il cosiddetto gruppo dei paesi di Visegrad) per fermare qualsiasi decisione politica di Bruxelles che porti a una maggiore condivisione del peso dei rifugiati e dei migranti. Era stata per prima l'Italia a chiedere che si facesse “leva” sui fondi Ue per infrangere questo muro. 

Un terzo dei fondi Ue a Polonia, Ungheria, Slovacchia e Repubblica ceca

Già, perché se si guarda ai fondi strutturali e della politica di coesione, i quattro paesi di Visegrad ricevono quasi un terzo dell'intero finanziamento. Dei 351 miliardi stanziati per il periodo 2014-2020, la Polonia ne riceve 63,5, l'Ungheria 16,7, la Repubblica ceca 18 e la Slovacchia 11,4. L'Italia e la Grecia, che finora si sono fatte carico del maggior numero di arrivi di migranti, ricevono rispettivamente 21,6 e 12 miliardi. 

La proposta di Merkel

La proposta della cancelliera è di rivedere le modalità di calcolo di assegnazione di queste risorse, introducendo una serie di condizionalità: la solidarietà sui migranti, per l'appunto, ma anche il rispetto dello Stato di diritto (ancora una volta il messaggio è a Polonia e Ungheria) e degli impegni sulle riforme economiche. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tajani d'accordo

Su quest'ultimo punto, le reazioni in Italia sono state piuttosto fredde. Ma sul legame tra fondi Ue e immigrazione, le reazioni sono state positive. A partire dal presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani: “Penso sia una buona idea – ha detto - Bisogna rispettare le regole del Trattato, non si può dire che queste vanno bene quando le cose vanno bene per il proprio paese e che vanno male quando non è conveniente. Ciò accade per esempio in relazione ai rifugiati in Grecia e Italia: la regola della solidarietà gli Stati Ue dell'Ovest la rispettano. E ora aspettiamo solidarietà dai paesi dell'Est", ha concluso Tajani. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il film sui migranti di Rocco Siffredi vince l'Oscar del porno di Berlino

  • Svezia sicura della sua strategia, elimina anche le restrizioni per anziani e vulnerabili

  • Per l'Ue anche l'Italia è zona rossa: si salva solo la Calabria (che però perde il "bollino" verde)

  • Erdogan in mutande su Charlie Hebdo, la rabbia del presidente turco: "Canaglie immorali"

  • L'Olanda manda i malati di Covid in Germania: "Nelle terapie intensive solo 200 posti ancora liberi"

  • Erdogan su Macron: "Ha problemi mentali". Conte col presidente francese: "Parole inaccettabili"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento