L'Unione dei disoccupati: un fondo Ue per chi perde il lavoro. Ma Merkel dice no

La proposta avanzata dal ministro delle Finanze, il socialista tedesco Scholz, è stata bocciata dalla Cancelliera

Un giorno, forse, i disoccupati europei potranno avere tutti lo stesso diritto a ricevere un sostegno economico, finanziato da un fondo comune europeo. E' quanto hanno proposto a più riprese gli esponenti del centrosinistra dell'Ue. E per ultimo, il ministro delle Finanze tedesco, il socialista Olaf Scholz. Ma lo stop alla misura arriva dallo stesso governo che l'ha lanciata: la cancelliera Angela Merkel, infatti, non intende appoggiare la creazione di fondo europeo per la disoccupazione. 

A riferirlo è lo Spiegel. "Ci sono a riguardo opinioni diverse nel governo", avrebbe detto Merkel nel corso del vertice di Bruxelles che si è concluso ieri. La proposta di un'assicurazione europea sulla disoccupazione, per mettere in sicurezza gli Stati membri dagli effetti delle crisi economiche, era trapelata sulla stampa tedesca nei giorni scorsi. Chiara e immediata era stata la risposta dell'ala economica della Cdu: non è una buona idea. 

La proposta, pero', era piaciuta anche fuori dai confini tedeschi, tanto che il premier spagnolo Pedro Sanchez si era detto interessato ad approfondire l'idea di Scholz. Secondo l'Ansa, del resto, tale misura andrebbe nella direzione del vertice di Meseberg del giugno scorso tra Merkel e il presidente francese Emmanuel Macron di pianificare una "road-map" per la stabilizzazione dell'Eurozona. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Per l'Ue la Svizzera non è più un paradiso fiscale

  • "Gli Stati ricchi paghino di più", l'Ue presenta il conto a Germania e Olanda

  • Macron frena sull'ingresso di Albania e Macedonia nell'Ue: "No all'avvio dei negoziati"

  • Orban nega il cibo ai migranti in transito, l'Ue: "Violati i diritti fondamentali"

  • Chi sono i 20 giganti che inquinano di più al mondo

  • Cresce il numero di studenti neri a Cambridge, è lo 'Stormzy effect'

Torna su
EuropaToday è in caricamento