Coronavirus, Merkel tende la mano al suo ministro. Ma lui la rifiuta

Il gesto (ironico) del titolare degli Interni Seehofer durante un meeting a Berlino. In Germania, i casi sono oltre 150

Niente strette di mano ai tempi del coronavirus. Il ministro tedesco dell'Interno, Horst Seehofer, ha rifiutato con una risata la mano tesa della cancelliera Angela Merkel durante un evento pubblico a Berlino. Il video del siparietto fra i due politici ha avuto larga diffusione in Germania, dove i casi di infezione sono ormai 150. Venerdì, durante un evento nella sua circoscrizione di Stralsund, la cancelliera aveva avvertito tutti che non avrebbe stretto mani per ridurre i rischi di contagio. Oggi ha forse fatto un gesto automatico, ma il suo ministro l'ha prontamente bloccata. E tutti e due sono scoppiati a ridere, assieme ai presenti. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Per l'Ue anche l'Italia è zona rossa: si salva solo la Calabria (che però perde il "bollino" verde)

  • Svezia sicura della sua strategia, elimina anche le restrizioni per anziani e vulnerabili

  • Altro che Mes, l'Italia pronta a rinunciare anche ai prestiti del Recovery fund

  • L'Olanda manda i malati di Covid in Germania: "Nelle terapie intensive solo 200 posti ancora liberi"

  • La Corte Ue "salva" il taglio dei vitalizi agli eurodeputati italiani

  • È vero che l'Ue vuole tassare la prima casa? Sì, ma solo se sei ricco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento