rotate-mobile
Mercoledì, 29 Giugno 2022
In Dombass / Ucraina

Il responsabile dell'ospedale ucraino: "Ho ordinato di castrare i russi, sono scarafaggi"

Gennadiy Druzenko, che gestisce una struttura nelle zone vicino alle regioni separatiste, ha detto in un'intervista in tv che gli uomini catturati "non sono persone". Poi ritratta: "Travolto da emozioni"

Il responsabile di un ospedale mobile in una zona di guerra nell'Ucraina orientale ha detto in un'intervista televisiva di aver ordinato ai suoi medici di "castrare" i soldati russi catturati, perché “non sono persone” ma “scarafaggi”. Il 49enne Gennadiy Druzenko è un avvocato costituzionalista ma dal 2014 ha messo in piedi un ospedale mobile volontario nelle zone vicino al Dombass, dove quell'anno è iniziata la guerra con gli indipendentisti delle regioni separatsce di Donetsk e Lugansk. Da allora nella struttura avrebbero lavorato circa 500 medici.

Gli aggiornamenti dal conflitto in diretta

Come si vede in un video pubblicato anche dal Daily Mail, intervistato a Ucraina 24, mentre parlava del soccorso che stavano fornendo anche a soldati russi feriti, Druzenko ha dichiarato: "Sono sempre stato un grande umanista e ho detto che se un uomo è ferito, non è più un nemico ma un paziente. Ma ora ho dato ordini molto severi di castrare tutti gli uomini russi catturati, perché sono scarafaggi, non persone". L'avvocato prestato alla medicina ha poi aggiunto: “I russi moriranno qui. Moriranno in gran numero. Coloro che vengono qui ricorderanno il loro incubo sul suolo ucraino. Come i tedeschi ricordano Stalingrado".

Un comitato investigativo russo ha aperto un procedimento penale sull'affermazione, che se seguita da fatti costituirebbe anche una violazione della convenzione di Ginevra, il che significa che se Druzenko dovesse essere catturato dovrà affrontare un processo secondo le leggi di Mosca. L'uomo però ha poi ritrattato le sue parole e si è scusato scrivendo su Fb: “A parlare sono state le emozioni. Mi dispiace. Mi dispiace. Stiamo salvando vite. Punto”. Anche l'ospedale ha pubblicato un comunicato sulla vicenda in cui sostiene che la dichiarazione sarebbe stata “provocata da minacce contro Gennadiy e la sua famiglia”, e che sarebbe poi stata “decontestualizzata e condivisa da canali di propaganda russi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il responsabile dell'ospedale ucraino: "Ho ordinato di castrare i russi, sono scarafaggi"

Today è in caricamento