Cosa fare in caso di guerra? Stoccolma prepara gli svedesi a conflitti, attentati e catastrofi

A partire dal 28 maggio il governo socialdemocratico invierà a tutte le famiglie svedesi una brochure con le istruzioni da seguire in caso di attentati, disastri naturali e guerre. Non si fa il nome della Russia, ma lo spauracchio è sempre il Cremlino

Manovre militare russe.JIJI /ANSA-CD

In guardia: la Svezia alza il livello di allerta e prepara i suoi cittadini alla guerra e alle catastrofi, naturali o meno. Dal 28 maggio - e per una settimana - tutti gli svedesi riceveranno a casa un manuale con precise istruzioni sulle situazioni di crisi, da un terremoto ad un conflitto armato passando per un attentato terroristico. L'opuscolo "Se una crisi o una guerra arrivano" è stato voluto dall'esecutivo del premier socialdemocratico Stefan Löfven e verrà inviato alle 4,8 milioni di famiglie che abitano il Paese scandinavo oltre ad essere già scaricabile on-line. 

Nella brochure vengono fornite indicazioni su che alimenti immagazzinare, sul come recuperare l'acqua potabile, sul come comunicare nel "nel caso in cui la società non funzioni in modo normale". Non è la prima volta che il governo catechizza i suoi cittadini su possibili situazioni estreme, ma i precedenti erano capitati in epoche ben diverse: durante la Seconda Guerra Mondiale e nel 1961, in piena Guerra Fredda. 

Informazioni su come proteggersi dalle bombe e dalla Fake News

"Tutti i cittadini svedesi devono sapere come le crisi possono influenzare la società, quali responsabilità hanno le persone e come le persone possono prepararsi ad affrontare situazioni difficili", afferma Christina Andersson, responsabile della campagna di sensibilizzazione. L'opuscolo di 20 pagine in formato A5 include informazioni e consigli su come ci si deve proteggere, sul come raggiunere bunker e spazi protetti come "tunnel e scantinati" ed anche, novità rispetto alle edizioni precedenti, indicazioni su come gestire le Fake News in caso di crisi e guerra.

La minaccia Russa

I disastri derivati ​​dal cambiamento climatico, le minacce terroristiche, gli attacchi informatici e il deterioramento della sicurezza sono alcune delle minacce su cui il governo vuole informare i cittadini. Sebbene l'opuscolo non nomini mai la Russia, è chiaro è al Cremlino che l'esecutivo svedese pensa quando fa aleggiare l'ipotesi di un'invasione.

Dopo l'annessione della Crimea nel 2014, la Svezia, che non fa parte della Nato, e con lei le nazioni del Baltico e dell'Europa orientale, hanno potenziato il proprio apparato militare. L'anno scorso, il Paese scandinavo ha inviato truppe sull'isola di Gotland nel Mar Baltico e nel 2016 ha deciso di ristabilire il servizio militare obbligatorio per uomini e donne. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In Svezia non c'è la seconda ondata, l'epidemiologo di Stato: "La nostra strategia è sostenibile"

  • “Salvini marionetta di Putin”, l'alleato di Berlusconi attacca la Lega

  • “Maxi-riciclaggio da 2mila miliardi”. Trema il settore bancario: coinvolti tre istituti europei

  • L'Irlanda mette in quarantena chi arriva dall'Italia

  • La Germania ha deciso: il vaccino per il coronavirus sarà volontario

  • Ryanar taglia il 40% dei voli a ottobre e accusa i governi Ue: "Cattiva gestione della crisi Covid"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento