menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Le proteste in Francia - foto Ansa EPA/IAN LANGSDON

Le proteste in Francia - foto Ansa EPA/IAN LANGSDON

Macron non arretra: avanti con la riforma delle pensioni. Sindacati: “Scioperi ovunque”

Il presidente parla della ricerca del “rapido compromesso” ma la Cgt è sul piede di guerra: “Vive in una bolla e crede che vada tutto bene”

Servono "scioperi ovunque". Il segretario generale del sindacato Cgt, Philippe Martinez, rilancia l'appello alla protesta contro la riforma delle pensioni all'indomani del discorso di Capodanno nel quale Emmanuel Macron ha ribadito la sua determinazione a portare avanti il suo progetto.

"Progresso sociale"

La "riforma previdenziale sarà portata a termine", ha assicurato il presidente francese dicendosi "consapevole che i cambiamenti spesso determinano scossoni". "Ma le preoccupazioni non possono portare all'inazione perché c'è troppo da fare. La riforma delle pensioni sarà portata a termine", ha continuato. Per Macron la riforma previdenziale, "è un progetto di giustizia e progresso sociale", e per questo ha chiesto al governo guidato da Edouard Philippe di cercare "la via di un rapido compromesso”.

"Segnale d'allarme"

Ma per Martinez il presidente "si è rinchiuso nella sua bolla dove considera che tutto vada bene nel paese". Il leader del principale sindacato francese ha esortato i lavoratori a proseguire nell'agitazione, arrivata ormai al 28esimo giorno, per dare "un forte segnale d'allarme". Martinez ha dichiarato che parteciperà all'incontro convocato per il 7 gennaio dal premier Philippe.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento