Il M5s pensa a gruppo autonomo a Strasburgo: nessuna preclusione ma decidiamo noi

Le elezioni europee a maggio, il Movimento scalda i motori e punta a farsi capofila di una alleanza tra partiti europei al Parlamento Ue

Un gruppo alternativo e autonomo, con tutti quelli che ci stanno, senza preclusioni. È questo, secondo quanto scrive l'agenzia Agi, l'obiettivo di M5s in vista delle prossime elezioni europee. Con una sola condizione: le proposte devono essere quelle che i 5 Stelle - che rivendicano un ruolo determinate, da capofila - ritengono prioritarie. I pentastellati riscaldano ancora i motori, ma la campagna elettorale per la 'gara' di maggio è praticamente ai nastri di partenza, con tanto di programma e di obiettivi.

Fra questi, la tutela a tutto campo dell'ambiente: mettersi in regola sul fronte delle infrazioni e via la plastica mono uso, ad esempio. Una battaglia di ideali da portare avanti per cambiare l'Europa. I candidati? Sicuramente non i parlamentari né i ministri 'eletti', perché resta il vincolo del non ricoprire due incarichi. Nessuna intenzione di rivedere la regola del secondo mandato, hanno infatti assicurato fonti qualificate M5s. L'ipotesi non sarebbe nemmeno sul tavolo, è una 'fake news', hanno sottolineato, anche se tra i 5 stelle c'è chi non nasconde di essere tentato da un cambiamento in proposito. Intanto, Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista, insieme a Capodanno, saranno con ogni probabilità i 'frontman' M5s nella campagna che sta per iniziare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Commozione e rabbia per il suicidio di Alysson in Belgio: "È il simbolo dei dimenticati della crisi"

  • L'Olanda legalizzerà la 'liquefazione' in alternativa alla cremazione o alla sepoltura dei morti

  • Bimba di 2 anni uccisa dalla polizia, mobilitazione internazionale per chiedere giustizia

  • In Romania una persona su quattro non ha i servizi igienici in casa, in Italia in 360mila

  • “La Germania confina con l’Italia”, la gaffe della presidente della Commissione von der Leyen

  • Perché Polonia e Ungheria bloccano il Recovery fund (e i fondi per l'Italia). E cosa c'entrano i migranti

Torna su
EuropaToday è in caricamento