menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"L'Eurocamera aumenta le spese in piena pandemia", l'attacco dei 5 stelle

Il deputato Furore contro l'ok al bilancio 2020, che prevede costi in più pari a 65 milioni di euro rispetto al 2019. Una crescita dovuta soprattutto agli stipendi del personale

Il Movimento 5 stelle punta il dito contro l'ok all'aumento del 2,5% del bilancio del Parlamento europeo per il 2020, pari a 65 milioni di euro. "I cittadini stringono la cinghia, i Palazzi della politica no. In una fase di grave crisi come quella che stiamo vivendo ci saremmo aspettati dal Parlamento europeo uno sforzo maggiore nell'adeguare il proprio bilancio ai sacrifici che i cittadini stanno facendo per arrivare alla fine del mese", attacca l'europarlamentare 5 stelle Mario Furore.

L'ok all'aumento del bilancio è arrivato con un voto dell'Eurocamera. Se nel 2019 le spese generali del Parlamento sono state di circa 1,9 miliardi, nel 2020 saranno di poco superiori ai 2 miliardi. L'aumento è attribuile per lo più alle spese del personale, che rappresentano la metà del bilancio complessivo. Se in seguito alla Brexit, la spese per gli stipendi dei deputati è diminuita, quella per i funzionari e gli assistenti è cresciuta

"Noi siamo fortemente contrari a qualsiasi aumento delle spese della politica - continua Furore - e a tal fine abbiamo presentato delle proposte nel testo della risoluzione che però sono state bocciate: si puo' risparmiare molto grazie a una migliore gestione degli immobili, una riduzione dei finanziamenti ai partiti e fondazioni, una riduzione del 20% del salario dei deputati europei e un allineamento dei diritti pensionistici dei deputati al Parlamento europeo ai sistemi di sicurezza sociale dei cittadini ordinari dei singoli Stati membri. Questa crisi, inoltre, ha mostrato tutta l'inutilità della sede di Strasburgo che andrebbe eliminata - prosegue - cosi' da far risparmiare almeno 200 milioni di euro ai contribuenti europei. Se vogliamo davvero avvicinare i cittadini alle istituzioni europee dobbiamo essere in grado di cambiare le cose con determinazione e coraggio", conclude.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Perché l’Italia è il primo Paese Ue a bloccare l’export di vaccini

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento