Ue avanti tutta nel libero mercato, eliminato numero record di ostacoli agli scambi

Rimosse lo scorso anno 45 barriere al commercio, oltre il doppio rispetto al 2016. La commissaria Malmström: “La nostra risposta all'aumento del protezionismo in molte parti del mondo”

Se Donald Trump ha deciso di proteggere l'economia degli Stati Uniti introducendo nuovi dazi, l'Unione europea ha scelto di percorrere la strada opposta, aprendo nuovi negoziati per accordi di libero scambio, come con l'Australia, e impegnandosi a rimuovere il più possibile le barriere al commercio con i Paesi terzi. Secondo la relazione annuale della Commissione europea nel 2017 sono stati eliminati, in tutto o in parte, 45 ostacoli al libero scambio, oltre il doppio rispetto al 2016. Gli ostacoli rimossi riguardavano 13 settori ritenuti chiave per le esportazioni e gli investimenti dell'Ue, tra cui industria aeronautica e automobilistica, ceramica, Tic ed elettronica, macchinari, prodotti farmaceutici, dispositivi medici, tessile, conciario, agroalimentare, siderurgia, carta e servizi.

“Alla luce del recente aumento del protezionismo in molte parti del mondo, il nostro impegno quotidiano per rimuovere gli ostacoli agli scambi è diventato ancora più importante”, ha rivendicato la commissaria al Commercio, Cecilia Malmström, secondo cui “garantire l'accesso delle nostre imprese ai mercati esteri costituisce il fulcro della nostra politica commerciale”. Per Malmström l'Ue “deve rispondere all'aumento del protezionismo applicando le regole".

Il rapporto rivela che i nove Paesi con il maggior numero di barriere commerciali ancora in vigore sono tutte economie del G20. Il maggior numero è stato registrato in Russia, ben 36, poi la Cina (25), seguita da Indonesia (23), India (21) e Brasile (21). Altri paesi terzi con 10 o più ostacoli agli scambi e agli investimenti sono la Corea del Sud (20), la Turchia (20), gli Stati Uniti (20), l'Australia (14), la Thailandia (12), l'Argentina (11) e il Messico (10). Grazie al lavoro della Commissione lo scorso anno sono stati rimossi sette di questi ostacoli in Cina, tre rispettivamente in Brasile, Turchia e Canada e due in Argentina, India, Arabia Saudita, Taiwan ed Emirati Arabi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Bruxelles ha ottenuto ad esempio riconoscimento delle norme di sicurezza utilizzate dall'industria meccanica dell'Ue nella nuova normativa brasiliana in materia di sicurezza, l'eliminazione degli ostacoli amministrativi nel settore dei servizi in Argentina, l'eliminazione delle restrizioni sui rottami di rame e di alluminio e sulla carta in Turchia e degli ostacoli in materia di salute e igiene degli animali e dei vegetali relativi alle esportazioni di bovini da alcuni Stati membri in Cina, Arabia Saudita e Taiwan nonché l'eliminazione di alcune restrizioni sulle esportazioni di pollame in Arabia Saudita e negli Emirati arabi uniti. Nel complesso, gli ostacoli rimossi dalla Commissione Juncker salgono a 88.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il film sui migranti di Rocco Siffredi vince l'Oscar del porno di Berlino

  • Per l'Ue anche l'Italia è zona rossa: si salva solo la Calabria (che però perde il "bollino" verde)

  • Erdogan in mutande su Charlie Hebdo, la rabbia del presidente turco: "Canaglie immorali"

  • L'Olanda manda i malati di Covid in Germania: "Nelle terapie intensive solo 200 posti ancora liberi"

  • Erdogan su Macron: "Ha problemi mentali". Conte col presidente francese: "Parole inaccettabili"

  • Dopo la Brexit il Regno Unito pensa di espellere i senzatetto stranieri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento