M5s contro Lega e FdI: “Vergogna, vogliono un condannato al vertice di un'istituzione Ue”

L'eurodeputata Evi critica la proposta di nomina a Mediatore europeo di un politico colpevole di rivelazione di segreto d'ufficio: “Come può difendere i cittadini se ha infranto la legge?”

Salvini e Meloni - foto archivio Ansa

Gli europarlamentari di Matteo Salvini e Giorgia Meloni “non si smentiscono mai e al Parlamento europeo hanno proposto per la nomina di Mediatore europeo Giuseppe Fortunato, un ex politico della Prima Repubblica, condannato con sentenza definitiva per rivelazione del segreto d’ufficio. Come può un politico difendere davvero i cittadini se ha infranto la legge? Questa nomina è una vergogna”.

Il ruolo del Mediatore

L'attacco contro Lega e Fratelli d'Italia arriva dall’europarlamentare del Movimento 5 Stelle Eleonora Evi, secondo cui “il ruolo del Mediatore europeo è fondamentale per il buon funzionamento della macchina europea”, in quanto “indaga sulle denunce relative a casi di cattiva amministrazione da parte delle Istituzioni e sui casi di discriminazione, abuso di potere, ritardi ingiustificati o irregolarità amministrative”. Per questo, secondo l'europarlamentare, Fortunato non potrebbe essere l'uomo giusto a ricoprire quel ruolo. “Nel 2005 il Movimento 5 Stelle aveva già denunciato sul blog il fatto che Giuseppe Fortunato era stato nominato membro dell’Autorità garante per la privacy. Dopo quella nomina calata dall’alto, Salvini e Meloni ci riprovano e dimostrano ancora una volta di voler cambiare l’Europa in peggio”, continua Evi.

Gli scandali

L'eurodeputata ha anche ricordato che è stato “anche grazie al lavoro del Mediatore europeo che il tedesco Martin Selmayr”, potente funzionario Ue ed ex braccio destro di Jean-Claude Juncker, “non spadroneggia più in Commissione europea e che è stato scoperchiato il caso Barroso, l’ex presidente della Commissione europea che oggi lavora per la grande banca d’affari Goldman Sachs, un caso enorme di porte girevoli”.

L'attuale Mediatore in vantaggio

Le votazioni per il nuovo Mediatore si sono tenute oggi nella prima giornata della Plenaria a Strasburgo. Il risultato del primo scrutinio ha visto l'attuale Mediatore Ue, Emily O'Reilly, in netto vantaggio sugli altri candidati, con 240 voti. Non abbastanza, però, per raggiungere i 295 voti necessari per ottenere la maggioranza assoluta dei voti espressi. A seguire, Julia Laffranque (162 preferenze), Cecilia Wikstroem (73), l'italiano Giuseppe Fortunato (67) e Nils Muiznieks (47). Se neanche nella prossima tornata, che avverrà domani (martedì 18 gennaio) si riuscirà a raggiungere la maggioranza dei voti espressi, si passerà a un terzo scrutinio con i due candidati che hanno preso più preferenze.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Partecipa a orgia con 24 uomini, deputato del partito di Orban fermato dalla polizia a Bruxelles

  • Il 2020 è anche l'anno dell'elezione di Adolf Hitler (in Namibia)

  • Svizzera nuova Svezia? Senza lockdown ha dimezzato i contagi, ma è stato boom di morti

  • Pistola e lingotti d'oro nel comodino del premier bulgaro. Che si difende: “Colpa di una bella donna”

  • Recovery Fund senza Polonia e Ungheria: la minaccia di von der Leyen

  • "Alexa è antisemita", Amazon apre un'inchiesta sull'assistente virtuale

Torna su
EuropaToday è in caricamento