menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La Grecia vede la fine dell'austerità, Tsipras: “Ad agosto saremo fuori dal Memorandum”

Il premier si è mostrato ottimista alla riunione di Syriza: “I nostri piani stanno portando risultati”

Basta con i piani di salvataggio internazionali e le ricette di austerità per risollevare la Grecia. Il Paese “sarà fuori dal Memorandum nell'agosto del 2018”. Lo ha promesso il premier Alexis Tsipras parlando alla riunione del segretaria di Syriza il partito di cui è leader. “I nostri piano stanno portando dei risultati”, ha affermato il politico e questo “lo dovranno riconoscere anche coloro che in passato sono stati più cauti”, hanno raccontato alcune fonti. La stampa greca riporta che Tsipras si sarebbe mostrato molto ottimista riguardo la possibilità di concludere la terza e ultima revisione del programma presto e che le discussioni con i creditori non riserveranno “sorprese”.

Il board del Meccanismo europeo di stabilità (Esm), l'organismo che materialmente elargisce il prestito da 86 miliardi concesso dai creditori europei in cambio di tutta una serie di riforme e privatizzazioni nel Paese, ha annunciato proprio la scorsa settimana il pagamento di una subtranche di 800 milioni di euro, una somma che è parte della seconda revisione del programma e che verrà utilizzata dal governo greco per saldare il debito che ha contratto col settore privato. 

"Sono contento di notare il continuo impegno del governo greco per cancellare i debiti arretrati. L'ammontare degli arretrati ridotti negli ultimi mesi significa che la Grecia ha superato l'obiettivo fissato nel programma e ciò dovrebbe avere un impatto positivo sull'economia del Paese", ha riconosciuto il direttore esecutivo dell'Esm, Klaus Regling. Al momento Atene ha ricevuto 40 degli 86 miliardi totali.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Perché l’Italia è il primo Paese Ue a bloccare l’export di vaccini

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento