Lunedì, 25 Ottobre 2021
Attualità

L'Ue vuole un'Agenzia per le crisi sanitarie e medicine meno costose

La presidente della Commissione von der Leyen: "La pandemia di coronavirus ha messo in evidenza quanto sia necessario sostenere i nostri sistemi ospedalieri e medici"

La Commissione Europea ha lanciato una nuova strategia farmaceutica per l'Europa, che mira a migliorare l'accesso ai medicinali per i pazienti e a sostenere innovazione e trasparenza per rilanciare l'industria europea dei farmaci. Bruxelles il prossimo anno intende anche proporre l'istituzione di un'Agenzia europea per la risposta alle crisi sanitarie, per non trovarsi impreparate in caso di future emergenze come quella che ci ha trovato impreparati del coronavirus. Ma le iniziative più importanti sono attese nel 2022, quando comincerà un processo di revisione sostanziale delle regole sui medicinali, con l'obiettivo ridurre i costi e aumentare la disponibilità per i pazienti e di rilanciare la competitività dell'industria europea.

Sostenere i sistemi sanitari

"La pandemia di coronavirus ha messo in evidenza quanto sia necessario sostenere i nostri sistemi sanitari. Ciò significa anche garantire l'accesso a medicinali sicuri, efficaci e di alta qualità a prezzi contenuti”, ha dichiarato la presidente della Commissione, Ursula von der Leyen, che ha invitato gli Stati membri e il Parlamento europeo “a sostenere questo approccio, che sarà attuato nei prossimi tre anni e oltre". Tra gli interventi previsti dalla Road map la revisione dei regolamenti sui medicinali per uso pediatrico e sulle malattie rare, l'avvio di un dialogo con e tra tutti i soggetti coinvolti nella produzione farmaceutica e le autorità pubbliche, per individuare le fragilità della catena di approvvigionamento mondiale di farmaci essenziali e definire opzioni strategiche per rafforzare la continuità e la sicurezza dell'approvvigionamento nell'Ue.

Innovazione e competitività

Poi ancora la collaborazione tra le autorità nazionali riguardo alle politiche in materia di prezzi, pagamenti e appalti, per rendere i medicinali più economici ed efficaci in termini di costi e accrescere la sostenibilità dei sistemi sanitari, la creazione di una solida infrastruttura digitale, compresa una proposta per uno spazio europeo dei dati sanitari e anche il sostegno alla ricerca e all'innovazione, in particolare attraverso i programmi Orizzonte 2020 e EU4Health. “La strategia aiuterà l'industria farmaceutica dell'Ue a rimanere competitiva e innovativa, e a occuparsi delle esigenze dei pazienti e dei sistemi sanitari", ha assicurato il vicepresidente della Commissione Margaritis Schinas.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Ue vuole un'Agenzia per le crisi sanitarie e medicine meno costose

Today è in caricamento