"Io ubriaco? Ho la sciatica, non mi dimetto", Juncker replica alle accuse

Un video che lo ritrae barcollante durante il vertice Nato di Bruxelles ha fatto il giro del web e ha rinfocolato le voci di un presunto problema di alcolismo del presidente della Commissione Ue. Che oggi ribatte: "Chiedo rispetto"

juncker

Nessun problema di alcolismo, solo un’antipatica sciatica, che “non è una ragione valida per dimettersi”. Il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, torna sul video girato in occasione delvertice dei capi di Stato e di governo dei Paesi Nato della scorsa settimana, che mostra il lussemburghese perdere più volte l’equilibrio mentre cammina. Immagini che hanno alimentato voci circa un suo problema con l’alcol, e che hanno indotto Heinz-Christian Strache, vice-cancelliere dell’Austria presidente di turno del Consiglio Ue, a chiedere le dimissioni di Juncker.

Durante il vertice Nato “ho avuto a che fare con la sciatica, avevo dolori, ma ho comunque partecipato al summit”, chiarisce Juncker in conferenza stampa. Ai presenti assicura di essere "in buona forma", e rispondendo a chi domanda se è corretto affermare che non aveva bevuto, il lussemburghese replica che “è corretto mercoledì, è corretto questa mattina e sarà corretto questa sera”. Parole che intendono fugare ogni dubbio sulle sue abitudini. Anche sulle sue intenzioni Juncker mette le cose in chiaro. “Una situazione di salute di questo tipo non è una ragione valida per dimettersi”. Il capo dell’esecutivo comunitario si dice “sorpreso” per l’interesse mostrato per la vicenda. “Francamente di queste cose io ci rido”, dice. Però “chiedo rispetto”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Dal 1 gennaio basterà un ritardo di pagamento di 100 euro per finire nella blacklist delle banche”

  • Bimba di 2 anni uccisa dalla polizia, mobilitazione internazionale per chiedere giustizia

  • George Clooney attacca Orban: “In Ungheria solo rabbia e odio”. La replica: “Consigliato da Soros”

  • Sci, Austria contro l'Italia: "Nostri impianti resteranno aperti, se Ue ci obbliga ci risarcisca"

  • Dopo il confinamento la Francia vede la fine del tunnel. In Spagna a gennaio partono le vaccinazioni

  • Neonazismo e antisemitismo: si dimette l'alleato olandese di Giorgia Meloni

Torna su
EuropaToday è in caricamento