"Io ubriaco? Ho la sciatica, non mi dimetto", Juncker replica alle accuse

Un video che lo ritrae barcollante durante il vertice Nato di Bruxelles ha fatto il giro del web e ha rinfocolato le voci di un presunto problema di alcolismo del presidente della Commissione Ue. Che oggi ribatte: "Chiedo rispetto"

juncker

Nessun problema di alcolismo, solo un’antipatica sciatica, che “non è una ragione valida per dimettersi”. Il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, torna sul video girato in occasione delvertice dei capi di Stato e di governo dei Paesi Nato della scorsa settimana, che mostra il lussemburghese perdere più volte l’equilibrio mentre cammina. Immagini che hanno alimentato voci circa un suo problema con l’alcol, e che hanno indotto Heinz-Christian Strache, vice-cancelliere dell’Austria presidente di turno del Consiglio Ue, a chiedere le dimissioni di Juncker.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Durante il vertice Nato “ho avuto a che fare con la sciatica, avevo dolori, ma ho comunque partecipato al summit”, chiarisce Juncker in conferenza stampa. Ai presenti assicura di essere "in buona forma", e rispondendo a chi domanda se è corretto affermare che non aveva bevuto, il lussemburghese replica che “è corretto mercoledì, è corretto questa mattina e sarà corretto questa sera”. Parole che intendono fugare ogni dubbio sulle sue abitudini. Anche sulle sue intenzioni Juncker mette le cose in chiaro. “Una situazione di salute di questo tipo non è una ragione valida per dimettersi”. Il capo dell’esecutivo comunitario si dice “sorpreso” per l’interesse mostrato per la vicenda. “Francamente di queste cose io ci rido”, dice. Però “chiedo rispetto”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rissa tra turisti e polizia, in Belgio accesso alle spiagge limitato ai residenti

  • Scrive "vuoi sposarmi?" con 100 candeline, e la casa prende fuoco

  • Omicidi e guerre tra narcotrafficanti: in Svezia e Olanda è emergenza criminalità

  • Casi in aumento ma ai ravers non importa: tekno party con 10mila persone

  • Per fermare il coronavirus in Galizia vietato anche fumare per strada

  • Svedesi via da casa a 17 anni, italiani a 30. Ma in Ue c'è chi è più "mammone" di noi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento