Il mandato è in scadenza, ma Juncker potrebbe restare alla guida della Commissione

Tra la Brexit che viene ritardata e un possibile stallo per le nomine del nuovo esecutivo comunitario, si ipotizza una proroga dei tempi

Con le elezioni europee ormai imminenti si avvia verso la scadenza anche il mandato di Jean-Claude Juncker alla guida della Commissione europea. L'ex premier lussemburghese dovrebbe passare il testimone al suo successore il prossimo 31 ottobre, ma a quanto pare i tempi potrebbero invece allungarsi e l'esecutivo Juncker potrebbe restare in carica più tempo del previsto. Lo afferma l'Agi che cita diverse fonti europee. Secondo l'agenzia la partecipazione del Regno Unito alle elezioni europee del 23-26 maggio sarebbe uno dei fattori che potrebbero portare caos a Bruxelles e rallentare il passaggio di consegne.

Il nodo Brexit

La presenza degli eurodeputati britannici, in particolare una truppa consistente del Brexit Party di Nigel Farage, rischierebbe di alterare gli equilibri a favore dei populisti, con il rischio di indebolire la maggioranza che deve confermare la nomina del prossimo presidente dell'esecutivo comunitario e dell'intero collegio. Inoltre, gli eletti del partito laburista potrebbero rafforzare il gruppo dei Socialisti & Democratici a spese del Partito Popolare Europeo e dell'Alleanza dei Liberali e Democratici per l'Europa solo per alcuni mesi, creando una geografia politica che poi sarà destinata a cambiare.

La battaglia sullo Spitzenkandidaten

Le difficoltà a trovare il successore di Juncker potrebbero essere accentuate anche da un potenziale braccio di ferro tra il Consiglio europeo ed Europarlamento sul processo degli Spitzenkandidaten, in base al quale il capolista (Spitzenkandidat in tedesco) del partito con più seggi dopo le elezioni europee dovrebbe essere nominato presidente della Commissione. L'Europarlamento insiste per questa forma di elezione indiretta, mentre alcuni capi di Stato e di governo - tra cui il presidente francese Emmanuel Macron - sono contrari. "Una proroga di alcuni mesi Juncker non è esclusa", dice una prima fonte Ue, ricordando che è già accaduto due volte in passato e in un caso per oltre tre mesi.

Il calendario

Secondo il calendario ufficiale, se i capi di Stato e di governo dell'Ue troveranno un accordo sul nome del successore di Juncker nel Consiglio europeo di giugno, l'Europarlamento dovrebbe confermare la nomina nella seconda sessione di luglio. Successivamente il nuovo presidente della Commissione dovrebbe concordare con ciascun governo i membri del collegio. Una volta nominati, i commissari dovrebbero passare un'audizione all'Europarlamento nel corso del mese di settembre. Ma questo calendario potrebbe saltare. "Trovare la quadra sarà particolarmente complicato", spiega una seconda fonte Ue. Inoltre, prima di dare il via libera al nuovo presidente della Commissione, "diversi governi vorranno sapere quale portafoglio otterranno nel nuovo esecutivo comunitario", aggiunge la seconda fonte.

I precedenti

Il primo precedente di proroga coinvolse Romano Prodi nel 2004, quando l'entrata in funzione della prima Commissione di José Manuel Barroso venne rinviata di 3 settimane a causa della bocciatura da parte dell'Europarlamento di Rocco Buttiglione come commissario alla Giustizia. Anche la seconda Commissione Barroso entrò in funzione con notevole ritardo - il 10 febbraio 2010 anziché il 1 novembre 2009 - a causa di un lungo braccio di ferro tra popolari, socialisti e liberali sulla riconferma del presidente e il programma del suo esecutivo. La Commissione Juncker potrebbe rimanere in carica fino alla fine del 2019 o oltre, in caso di stallo sulla scelta del presidente. "Ai membri dei gabinetti dei commissari è stato chiesto di rimanere al loro posto e di non cercare altri incarichi per i prossimi mesi", spiega la prima fonte Ue.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Per l'Ue la Svizzera non è più un paradiso fiscale

  • "Gli Stati ricchi paghino di più", l'Ue presenta il conto a Germania e Olanda

  • Macron frena sull'ingresso di Albania e Macedonia nell'Ue: "No all'avvio dei negoziati"

  • Orban nega il cibo ai migranti in transito, l'Ue: "Violati i diritti fondamentali"

  • Chi sono i 20 giganti che inquinano di più al mondo

  • Cresce il numero di studenti neri a Cambridge, è lo 'Stormzy effect'

Torna su
EuropaToday è in caricamento