rotate-mobile
Giovedì, 18 Agosto 2022
Crisi politica a Londra

Boris Johnson cede e si dimette, ma resterà premier fino ad ottobre

Il leader britannico costretto a lasciare la guida dei Conservatori, e quindi anche quella dal governo, da un'ondata di defezioni nell'esecutivo. Ma vuole restare in sella fino all'autunno

Boris Johnson ha dato le dimissioni da leader dei Conservatori, aprendo così la competizione per la sua successione alla guida dei Tory. Questo significa che non sarà neanche più premier, anche se manterrà il ruolo di "caretaker", di primo ministro a interim fino a quando non sarà scelto il suo successore, molto probabilmente quindi fino ad ottobre. "In politica nessuno è anche lontanamente indispensabile", ha detto nel suo discorso di addio, pronunciato di fronte a quella che presto non sarà più la sua residenza. Nel dirsi "triste" per aver dovuto lasciare quello che è "il lavoro  più bello del mondo", Johnson ha rivendicato di aver avuto un mandato popolare altissimo, ottenendo una maggioranza parlamentare seconda solo a quella di Margaret Thatcher nel 1987, e di aver mantenuto la promessa principale che aveva fatto: Get Brexit Done, portare a compimento la Brexit.

Per il premier è stato fatale l'ultimo scandalo che lo ha coinvolto: quando sono emerse le accuse di molestie sessuali a carico di Chris Pincher, suo fedelissimo, Johnson ha negato di avere sapere di tali accuse quando lo ha nominato vice capogruppo dei Tory al Parlamento. Ma sui media è presto emerso che si trattava di una bugia, cosa che alla fine lui stesso ha candidamente amesso. Un passo falso che è stata la classica goccia che ha fatto traboccare il vaso: prima il Cancelliere dello Scacchiere, Rishi Sunak, e poi il Segretario di Stato alla Salute, Sajid Javid, due pezzi da novanta del governo, hanno rassegnato le dimissioni. Nel giro di 24 ore, altri 54 membri del governo, tra ministri, vice ministri e capi di gabinetto, ha seguito l'esempio di Sunak e Javid.

Johnson ha provato a resistere, ma alla fine ha dovuto arrendersi. Ora, l'ultima battaglia: restare in sella fino all'elezione del nuovo leader dei Tory. Lord Frost , l'ex ministro della Brexit, ha già detto che non crede che questa opzione sia sostenibile. Secondo diversi fonti vicine ai conservatori, l'attuale vice premier Dominic Raab potrebbe prendere l'incarico a interim in attesa del boto in autunno per la leadership dei Tory. Ma Johnson ha già sostituito tutti i dimissionari, e non è intenzionato a subire l'umiliazione di andarsene prima dlela scelta di un nuovo leader.

Intanto, l'Unione europea sta a guardare quanto succede al di là della Manica: in ballo c'è il protocollo sull'Irlanda del Nord, l'ultimo capitolo della saga della Brexit. Che adesso potrebbe essere il cavallo di Troia per riavvicinare Londra e Bruxelles.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Boris Johnson cede e si dimette, ma resterà premier fino ad ottobre

Today è in caricamento