"Qui più contagi dell'Italia perché i britannici amano la libertà", parola del premier Johnson

Durante un question time a Westminster, il leader ha sostenuto che la resistenza dei suo concittadini a rispettare le norme anti-Covid è anche frutto della mentalità liberale, o libertaria, più diffusa nel Regno Unito rispetto "a molti altri Paesi". Tra cui il nostro

Il premier britannico Boris Johnson

Perché l'Italia ha meno casi di coronavirus del Regno Unito nonostante entrambi i Paesi siano stati colpiti dalla prima ondata in modo simile? Perché i britannici sono "freedom-loving", ossia amano la libertà (evidentemente più della sicurezza sanitaria). Parola del leader del governo di Londra, Boris Johnson.

Durante un question time a Westminster, rispondendo a una contestazione del deputato laburista Ben Bradshaw sul "come mai Germania o Italia" registrino al momento meno contagi ufficiali dell'Isola senza aver adottato nuove misure restrittive, Johnson ha replicato argomentando che la resistenza di una parte dei britannici ad accettare restrizioni e obblighi nella lotta al coronavirus - dai contatti sociali all'uso della mascherina - è anche frutto della mentalità liberale, o libertaria, più diffusa nel Regno rispetto "a molti altri Paesi". Ecco il video:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"C'è un'importante differenza - ha argomentato Johnson - fra il nostro Paese e molti altri nel mondo poiché il nostro è un Paese che ama da sempre la libertà. Se guardiamo alla storia degli ultimi 300 anni, ogni avanzamento, dalla libertà di parola alla democrazia, è venuto virtualmente da questo Paese". È quindi molto difficile - ha concluso - chiedere al popolo britannico di obbedire uniformemente alle direttive oggi necessarie", ha concluso. Dimenticando forse di aggiungere che la libertà di una persona a non indossare una mascherina finisce dove inizia quella di un'altra persona che vorrebbe essere libera di andare al lavoro o al supermercato senza venire contagiata.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il film sui migranti di Rocco Siffredi vince l'Oscar del porno di Berlino

  • Per l'Ue anche l'Italia è zona rossa: si salva solo la Calabria (che però perde il "bollino" verde)

  • Svezia sicura della sua strategia, elimina anche le restrizioni per anziani e vulnerabili

  • L'Olanda manda i malati di Covid in Germania: "Nelle terapie intensive solo 200 posti ancora liberi"

  • Erdogan su Macron: "Ha problemi mentali". Conte col presidente francese: "Parole inaccettabili"

  • Dopo la Brexit il Regno Unito pensa di espellere i senzatetto stranieri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento