Italiani euroscettici? No, ‘euroindifferenti’ 

Stare in Europa non cambia nulla per il 42% degli intervistati. Tre quarti degli europei (77%) vorrebbero invece ricevere maggiori informazioni sulle attività delle istituzioni Ue

Rimane stabile al 59% l’opinione positiva tra i cittadini dei 28 Stati membri nei confronti dell’Unione europea. È quanto afferma il sondaggio Eurobarometro, commissionato all’istituto Kanar dal Parlamento Ue. In Italia la percentuale degli ‘eurofili’ scende al 37%, un dato che colloca il Belpaese in fondo alla lista del 'gradimento' dell'Unione europea. Ma più che un Paese euroscettico, l’Italia si conferma uno Stato ‘euroindifferente’. Il 42% degli italiani ritiene infatti che stare nell’Unione europea non si tratti né di una cosa buona né di un fatto negativo.

L'Europa impopolare

Chi ritiene che stare in Europa sia invece dannoso per il Belpaese è il 17% degli italiani che hanno risposto al sondaggio, mentre il restante 4% non sa o non risponde. Tra i Paesi che registrano un livello di ‘eurofilia’ più alta dell’Italia c’è anche la Grecia, la nazione Ue che ha sofferto le conseguenze più atroci della crisi finanziaria, il cui Governo dovette subire la ricetta “lacrime e sangue” della Troika per tornare all’interno dei parametri di stabilità decisi a Bruxelles. 

L'agenda europea

Andando invece a vedere le priorità politiche degli europei, un dato emerge con chiarezza. Le questioni ambientali si sono imposte con forza nell’agenda europea, con il 32% degli intervistati che chiede al Parlamento europeo di affrontare la lotta ai cambiamenti climatici come priorità principale. Seguono la lotta contro la povertà e l'esclusione sociale (31%), il contrasto al terrorismo (24%) e le politiche per il lavoro (24%). 

Cosa preoccupa gli italiani

Le priorità degli italiani rimangono invece la lotta alla disoccupazione giovanile e l'impegno per raggiungere la piena occupazione nell'Ue (37%). Si registra anche nel Belpaese una crescita di interesse per la lotta ai cambiamenti climatici, che nella scala delle priorità affianca la necessità di sviluppare una politica comune di immigrazione e integrazione (25%).

La 'fame' di notizie

Sale invece tra gli europei la ‘fame’ di notizie provenienti da Bruxelles. L'Eurobarometro indica infatti che tre quarti degli intervistati, il 77%, vorrebbero ricevere maggiori informazioni sulle attività delle istituzioni europee.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In Svezia non c'è la seconda ondata, l'epidemiologo di Stato: "La nostra strategia è sostenibile"

  • "Chiamatemi Principessa", la figlia illegittima del re vuole i titoli. Ma la Casa reale dice no

  • Altro che furbetti del reddito di cittadinanza, Parigi perde 14 miliardi l'anno per frodi al welfare

  • “Salvini marionetta di Putin”, l'alleato di Berlusconi attacca la Lega

  • Non basta la seconda ondata, Francia alle prese anche con la 'sindrome da post-Covid'

  • La Germania ha deciso: il vaccino per il coronavirus sarà volontario

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento