menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gli italiani sempre meno europeisti, ma si fidano più dell'Unione europea che dei politici di casa

Il 52% dei cittadini non ha fiducia ma ne ha ancora meno delle istituzioni nazionali, con il governo che raggiunge il 78% del tasso di mancanza di affidabilità percepita

Fidarsi è bene, non fidarsi è meglio, soprattutto quando si tratta dell'Unione europea. La pensano così gli italiani la cui fiducia nei confronti del progetto comunitario è in calo. Lo rileva l'Eurobarometro della Commissione Ue, effettuato a novembre 2017 su un campione di 1.034 italiani. Secondo il sondaggio sulle opinioni dei cittadini dei Paesi membri la fiducia degli italiani nell'Unione europea è in flessione. Il 52% tende a non fidarsi, un dato in aumento dal 48% dell'ultimo sondaggio di maggio. Coloro che invece esprimono fiducia calano dal 36% al 34%.

Cala la fiducia nell'Ue

In Italia, la fiducia nell'Ue cala con l'età e cresce tra chi ha un gradi di istruzione più elevato. I picchi di si raggiungono tra gli studenti e i giovani di età compresa tra i 15 e 34 anni, categorie dove gli ottimisti prevalgono con percentuali tra il 43 e il 53%. Con il passare degli anni però aumenta la diffidenza nei confronti di Bruxelles. Solo il 9% di chi ha più di 75 anni dice di fidarsi. Tra chi ha studiato almeno fino ai 20 anni, il 44% dichiara di fidarsi, tra coloro senza titoli di studio la fiducia invece crolla al 19%. Nessuna delle istituzioni comunitarie ottiene la fiducia della maggioranza degli italiani. Tra le istituzioni europee, il Parlamento è l'istituzione che gode del maggiore livello di approvazione (42%), la Commissione europea è al 39%, la Banca centrale europea non piace affatto e la fiducia nei suoi confronti è solo al 35%.

L'Europa meglio della politica di casa

Ma se Atene piange Sparta di certo non ride. Certo le istituzioni comunitarie non piacciono forse agli italiani ma quelle nazionali piacciono ancora meno e sono considerate ancora più inaffidabili: il 78% tende a non fidarsi del governo, il 74% ha poca fiducia nel Parlamento e i partiti politici sono quasi unanimemente (83%) ritenuti poco affidabili. Il 72% degli italiani tende a non fidarsi neanche della pubblica amministrazione, delle autorità locali e regionali (71%) e della giustizia (59%), mentre suscitano la fiducia del 62% degli intervistati sia l'esercito sia la polizia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Perché l’Italia è il primo Paese Ue a bloccare l’export di vaccini

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento