rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
Attualità

Gli italiani hanno dimezzato gli accessi ai siti pirata. E ora sono tra i più "corretti" d’Europa

Le visite medie ai portali illegali sono passate da oltre 10 al mese nel 2017 a 5,5 nel 2020. Nell’anno della pandemia le violazioni sul web del diritto d’autore sono calate del 34 per cento

Gli italiani stanno abbandonando i siti pirata. Tra il 2017 e il 2020 l'accesso complessivo a film, musica, libri e altri contenuti piratati nel Belpaese si è infatti dimezzato, passando da una media superiore ai 10 accessi al mese ai siti illegali ai 5,5 accessi medi mensili del 2020. È quanto emerge dall’ultimo studio dell’Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale (Euipo). In termini settimanali, gli italiani sono passati da una media di 2,5 accessi a settimana ai siti illegali a poco più di una visita a settimana ai portali che non rispettano il diritto d’autore.

Oltre l’80 per cento della pirateria nell’Ue nel 2020 è avvenuto in streaming e ha riguardato principalmente la TV (70 per cento del totale), seguita da film (20 per cento) e musica (10 per cento). Nonostante un aumento temporaneo durante i primi mesi della pandemia, nel complesso, il fenomeno della pirateria online nell’Unione europea è calato del 34 per cento nel solo 2020. 

Nel 2020, gli utenti di internet europei hanno ‘consumato’ in media 5,9 volte al mese contenuti in violazione del diritto d'autore. L’Italia è dunque leggermente sotto la media (5,5 accessi mensili) preceduta dai Paesi più virtuosi nella lotta alla pirateria: Polonia, Germania, Finlandia e Romania. Gli ultimi della classe sono invece i Paesi baltici: Lettonia, Estonia e Lituania occupano i primi tre posti della classifica per numero di accessi ai siti pirata, con una media mensile che va dalle 13,9 alle 11,5 visite ai portali illegali. 

Schermata 2021-12-09 alle 20.05.50-2

 "La diffusione dell'accesso a internet in tutta Europa è altamente positiva per l'accesso dei cittadini a contenuti culturali”, è stato il commento del direttore esecutivo dell’Euipo, Christian Archambeau. “Purtroppo - ha aggiunto - questo facilita anche la violazione del diritto d’autore". "La pirateria, e la perdita di entrate che ne deriva, costituisce una grave preoccupazione e una minaccia diretta per le industrie creative”, ha avvertito il direttore. “Nonostante il calo positivo e costante del consumo di contenuti piratati dimostrato dallo studio - ha concluso - resta ancora molto da fare per contrastare la violazione dei diritti di proprietà intellettuale online".

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli italiani hanno dimezzato gli accessi ai siti pirata. E ora sono tra i più "corretti" d’Europa

Today è in caricamento