La giustizia più lenta d'Europa? E' in Italia. E quasi 1 cittadino su 2 non ha fiducia nei giudici

È quanto emerge dal rapporto annuale della Commissione europea. Sotto accusa soprattutto i tempi per i processi civili e commerciali: serve un anno e mezzo solo per arrivare a una sentenza di primo grado

Foto Ansa, Cesare Abbate

C’è mezza Italia che non ha fiducia nel sistema di giustizia. Il 46% degli italiani ha l’impressione, e magari anche la convinzione, che giudici e tribunali non siano indipendenti. Vuol dire che si temono corruzione o manipolazione delle sentenze, sentenze che comunque arrivano tardi, sempre più tardi, come in nessun’altra parte d’Europa.

"Brutta impressione"

È quanto emerge dal rapporto annuale della Commissione europea sul sistema di giustizia nell’Ue. L’Italia è agli ultimi posti degli indici di fiducia. Tra chi ha una “brutta” impressione (29%) e un’impressione “molto brutta” (17%), è quasi un italiano su due a bocciare il sistema italiano di giustizia. A questi si aggiunge una porzione di italiani (17%) che non sa cosa pensare. Dunque appena il 37% degli italiani mostra fiducia circa l’indipendenza e l’autorevolezza dei giudici nostrani.

La sfiducia delle imprese

Le cattive notizie per l’Italia non finiscono qui. Il mondo economico e imprenditoriale non si discosta molto dal sentimento dei cittadini. Appena il 39% delle imprese dice di credere nel funzionamento della giustizia italiana. Sono invece quasi sei su dieci (58%) le aziende ad avere un visione negativa o molto negativa dei giudici, e questo potrebbe indurre molti a non investire nel Paese.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Incide molto probabilmente nel sentimento di sfiducia il meccanismo sempre più lento e farraginoso della giustizia italiana. Nel 2016 ci volevano 514 giorni per arrivare a una sentenza di primo grado in cause civili e commerciali, nel 2017 ce ne sono voluti 548. Più di un mese in più. È il dato più alto di tutta Europa. E per sentenze di secondo e terzo grado di tempi si allungano ancora di più (843 giorni e 1.299 giorni rispettivamente), fino a tre anni e mezzo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Ue "promuove" la Calabria sul Covid: unica regione verde in Italia e tra le poche in Europa

  • Il décolleté della premier divide la Finlandia: "Fa la modella invece di pensare al Covid"

  • Altro che Mes, l'Italia pronta a rinunciare anche ai prestiti del Recovery fund

  • Conte va via e lascia Merkel a rappresentare l'Italia al vertice Ue. La Lega attacca (ma è la prassi)

  • È vero che l'Ue vuole tassare la prima casa? Sì, ma solo se sei ricco

  • Il villaggio di Babbo Natale è in crisi per colpa del Covid

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento