Il lockdown in Irlanda funziona, in due settimane l'indice di contagi R è sceso sotto l'uno

Iniziato lo scorso 21 ottobre il confinamento continuerà però come previsto fino a dicembre, la speranza è così di abbassare ancora di più il numero di casi e salvare il Natale in famiglia

Foto Ansa EPA/Aidan Crawley

La linea dura sembra stia pagando in Irlanda dove l'indice dei contagi R è sceso sotto la fatidica soglia dell'uno nel giro di sole due settimane. Il ministro della Salute Stephen Donnelly parlando di fronte al comitato parlamentare per la Salute ha spiegato che il tasso di riproduzione del Covid-19, che indica ogni malato quante persone contagia in media, è sceso ad un valore compreso tra lo 0,7 e lo 0,9, garantendo quindi che il trend relativo al numero di casi è in netta diminuzione nel Paese.

Casi in diminuzione

L'attuale tasso di incidenza su 14 giorni è sceso a 228 casi ogni 100mila persone, rispetto al 278 del periodo precedente. Una percentuale inferiore a quella italiana (539) e molto più bassa di quella dei Paesi al momento più colpiti in Europa come Belgio (1669), Repubblica ceca (1587), Francia (853) o Spagna (577). Il governo ha però spiegato che questo trend positivo non significherà che il Paese uscirà dal lockdown prima delle sei settimane stabilite lo scorso 21 ottobre quando il Paese, tra i primi in Europa, decise di passare al livello 5 di restrizioni, che in pratica sono quasi come il confinamento di marzo ma con le scuole aperte. Ai cittadini è stato imposto di lavorare da casa quando possibile, bar e ristoranti possono lavorare solo per l'asporto e i negozi non essenziali sono stati chiusi. Gli irlandesi possono uscire di casa solo per esercizi fisici e in un raggio massimo di 5 chilometri dalla propria abitazione.

Salvare il Natale in famiglia

Per il Taoiseach (il premier) Micheál Martin è necessario però tenere la linea dura per tutto il periodo stabilito fino alla fine di novembre, allo scopo di garantire che si arrivi a dicembre con un numero di casi più basso, visto che soprattutto nel periodo natalizio ci saranno molti più contatti tra le persone, soprattutto in famiglia. Martin e il governo stanno valutando tutti i dati e le statistiche per aiutare a formare una strategia di uscita ma probabilmente il mese prossimo l'isola passerà dal livello 5 al livello 3, il che consentirebbe l'apertura del commercio al dettaglio non essenziale e gli incontri trac persone di diverse nuclei abitativi anche al chiuso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Dal 1 gennaio basterà un ritardo di pagamento di 100 euro per finire nella blacklist delle banche”

  • Bimba di 2 anni uccisa dalla polizia, mobilitazione internazionale per chiedere giustizia

  • George Clooney attacca Orban: “In Ungheria solo rabbia e odio”. La replica: “Consigliato da Soros”

  • Sci, Austria contro l'Italia: "Nostri impianti resteranno aperti, se Ue ci obbliga ci risarcisca"

  • Dopo il confinamento la Francia vede la fine del tunnel. In Spagna a gennaio partono le vaccinazioni

  • Neonazismo e antisemitismo: si dimette l'alleato olandese di Giorgia Meloni

Torna su
EuropaToday è in caricamento