"Che cogl...", interprete del Parlamento Ue insulta deputato della Lega in diretta

Durante una riunione della commissione Agricoltura, l'audio del servizio di traduzione simultanea dell'Eurocamera è rimasto aperto. E un uomo si è lasciato scappare un commento non proprio carino nei confronti di Ciocca. Che ora chiede provvedimenti

Dimentica il microfono aperto e si lascia scappare un commento non proprio carino, tra l'altro in eurovisione, nei confronti dell'eurodeputato della Lega Angelo Ciocca. Che non la prende bene e attraverso il presidente del suo gruppo parlamentare chiede che vengano presi dei "provvedimenti nei confronti di chi ha sbagliato", ossia un interprete dell'Eurocamera.

L'episodio è avvenuto durante una riunione della commissione Agricoltura del Parlamento. Ciocca, come altri deputati, era collegato da casa per via delle misure di sicurezza anti-coronavirus. Quando prende la parola, l'audio resta attivato sul canale degli interpreti italiani. Ed è a questo punto che si sente indistintamente una frase: "Che cogl..., lo possiamo dire?". Venuto a sapere dell'incidente, Ciocca ha immediatamente consegnato a Facebook la prova dell'oltraggio subito: "Vergognoso", si legge nel post del parlamentare. 

A stretto giro arriva la nota ufficiale di Marco Zanni, collega del Carroccio e presidente del gruppo della Lega a Bruxelles, Identità e democrazia: “Parole e toni inaccettabili per un’istituzione, gli insulti non sono mai giustificabili. È questo il rispetto che hanno in Europa per i rappresentanti della Lega? Ci aspettiamo dal Parlamento europeo, sempre così attento a riprendere chi non rispetta le regole, una condanna ferma e provvedimenti nei confronti di chi ha sbagliato”, conclude Zanni.

La risposta del Parlamento non si è fatta attendere e in una nota, dopo aver definito "inappropriato" il commento dell'interprete, ha reso noto che "la registrazione della riunione è stata corretta e i commenti sono stati rimossi". Ciocca "riceverà le scuse da parte della Direzione generale responsabile degli interpreti. L'interprete che ha causato lo spiacevole incidente è stato contattato e si è già scusato per il linguaggio inappropriato utilizzato", conclude il Parlamento europeo.
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Finlandia dice addio alla svastica: per un secolo è stata il simbolo delle sue forze aeree

  • Addio diesel, Volkswagen riconverte in ecologica la sua principale fabbrica tedesca

  • Erdogan vuole che l'ex basilica di Santa Sofia a Istanbul torni ad essere una moschea

  • L'Olanda fornisce aiuti economici alle ex colonie, ma pretende in cambio austerità

  • Grecia stanca della Troika: "Condizionalità nel Recovery Fund inaccettabili"

  • Lisbona riconvertirà le case di Airbnb in appartamenti per i lavoratori chiave

Torna su
EuropaToday è in caricamento