rotate-mobile
Martedì, 28 Maggio 2024
La strategia / Ucraina

Come le incursioni in territorio russo possono cambiare la guerra in Ucraina

I miliziani russi anti Putin promettono nuovi attacchi che potrebbero costringere le truppe di Mosca a disperdersi sul confine per difenderlo, distogliendo anche l'attenzione dalla controffensiva di Kiev in arrivo

I miliziani che partendo dall'Ucraina hanno condotto delle incursioni in Russia, nell'oblat' di Belgorod, sarebbero pronti a compiere nuovi attacchi. Denis Kapustin, che si ritiene sia il comandante del Corpo dei volontari russi (Rdk), ha detto che Vladimir Putin dovrà prepararsi ad altri raid messi a segno dai suoi uomini e dall'altra milizia che ha rivendicato il raid di lunedì scorso, la legione Libertà alla Russia. "Penso che ci vedrete ancora da quella parte" della frontiera, ha detto ieri parlando con i giornalisti dal lato ucraino del confine. "Non posso rivelare queste cose imminenti, non posso nemmeno rivelare la direzione. Il confine è piuttosto lungo. Ancora una volta ci sarà un punto in cui la situazione si farà calda", ha assicurato l'uomo, ex hooligan neonazista, che si è presentato con il suo nome di battaglia White Rex.

Chi sono i miliziani russi che dall'Ucraina hanno attaccato la Russia

Questo tipo di attacchi in territorio russo, per quanto di certo non impensieriscano più di tanto la sicurezza generale della nazione, possono però contribuire a cambiare il volto del conflitto in un momento molto delicato, quello in cui l'Ucraina di Volodymyr Zelensky sta per lanciare la sua tanto attesa controffensiva per riprendere parte dei territori conquistati da Mosca. Gli eventi nella regione di Belgorod, confermano innanzitutto la capacità della parte ucraina di condurre raid nel territorio della Federazione. L'ultima grande incursione, a marzo, aveva portato anche alla breve conquista di alcuni edifici pubblici nella regione di Bryansk. Ma l'attacco di lunedì, condotto contro le località di Glotovo, Kozinka e Gora-Podol, è stato di scala diversa, con le forze coinvolte che sembra siano state molto più numerose e anche meglio equipaggiate, persino con veicoli blindati, il che ha costretto le truppe russe a mettere in campo anche elicotteri da combattimento.

"Queste incursioni rappresentano un problema di sicurezza interna per la Russia e dal punto di vista dell'immagine sono molto umilianti perché sono un attacco sul suo stesso suolo", ha detto il generale maggiore britannico, ora in pensione e analista militare, Rupert Jones parlando con Sky. Dal punto di vista ucraino, ha aggiunto, questi raid sono importanti perché "tolgono l'attenzione da Bakhmut, ma soprattutto distolgono l'attenzione dei russi mentre è in preparazione la controffensiva, e Kiev vuole gli occhi di Mosca lontani dal possibile luogo in cui partirà l'attacco". Sebbene il governo di Zelensky abbia negato qualsiasi ruolo nell'incursione, questa è stata quasi sicuramente coordinata con le forze armate ucraine, hanno affermato diversi esperti. "Gli ucraini stanno cercando di spingere i russi in diverse direzioni per aprire dei varchi. I russi sono costretti a inviare rinforzi", ha spiegato Neil Melvin, analista del Royal United Services Institute (Rusi).

L'incursione è avvenuta lontano dall'epicentro dei combattimenti nella regione orientale ucraina del Donbass e a circa 160 chilometri dalle linee del fronte nella regione settentrionale di Kharkiv. "I russi dovranno rispondere a questa situazione e mettere truppe lì e poi avere molti soldati lungo tutta la zona di confine, anche in punti che potrebbero non essere luogo in cui gli ucraini stanno arrivando", ha detto Melvin. "Questa è davvero un'occasione per fare due cose. Una è far innervosire i russi, farli preoccupare della possibilità di insorgenze tra la loro stessa popolazione. Ma in secondo luogo per costringerli a disperdere le loro truppe", ha sostenuto anche Mark Galeotti, capo della società di consulenza Mayak Intelligence con sede a Londra e autore di diversi libri sulle forze armate russe. A suo avviso l'incursione sembra un'operazione di "modellamento" del campo di battaglia ucraino in vista della prevista controffensiva di Kiev.

Cosa sappiamo davvero della controffensiva ucraina

Anche per Galeotti, queste milizie, che "sperano di poter contribuire in qualche modo alla caduta del regime di Putin", allo stesso tempo "non sono forze indipendenti. Sono controllate dall'intelligence militare ucraina". Mykhailo Podolyak, assistente di Zelensky, ha ribadito che Kiev non avrebbe nulla a che fare con l'operazione, e gli Stati Uniti affermano di non "consentire o incoraggiare" gli attacchi ucraini in territorio russo, ma che spetta a Kiev decidere come condurre le operazioni militari. Washington ha anche promesso di indagare sulla notizia che le armi dei russi ribelli sarebbero statunitensi. "So esattamente da dove ho preso le armi. Purtroppo non dai partner occidentali", ha assicurato Kapustin, che ha suggerito che le attrezzature militari occidentali sarebbero state catturate dalla Russia nella battaglia per Bakhmut nell'Ucraina orientale e che tali attrezzature possono essere anche acquistate sul mercato nero.

"Credo di aver spiegato che gli aiuti militari occidentali purtroppo vanno avanti e indietro, vengono razziati. A Bakhmut, ad esempio, so che molti veicoli blindati americani sono stati razziati dalle forze russe", ha detto. Il comandante della milizia Rdk ha spiegato che l'Ucraina li avrebbe sostenuti solo con informazioni, benzina, cibo e medicine. "E, naturalmente, i militari ucraini hanno preso in carico i nostri feriti. Ma qualsiasi cosa più di questa renderebbe le cose difficili", ha spiegato, assicurando: "Ogni decisione che prendiamo al di là del confine di Stato è una nostra decisione. Ovviamente possiamo chiedere ai nostri compagni e amici ucraini di aiutarci nella pianificazione".

Kiev da parte sua ha lanciato frecciate al Cremlino usando la stessa retorica che fu usata dalla Russia ai tempi dell'annessione della Crimea nel 2014, quando militari con ogni probabilità russi comparvero armati di tutto punto sul territorio con divise senza alcuna bandiera. Allo stesso modo, l'assistente di Zelensky Podolyak, ha attribuito la colpa dell'incursione di Belgorod a "gruppi di guerriglieri clandestini" composti da cittadini russi e ha dichiarato: "Come sapete, i carri armati sono venduti in qualsiasi negozio militare russo". L'osservazione sembrava riecheggiare la risposta data dallo stesso Putin nel 2014 quando gli fu chiesto della presenza di uomini che indossavano uniformi militari russe senza insegne in Crimea: "Si può andare in un negozio e comprare qualsiasi tipo di uniforme". Sui social media poi, gli ucraini hanno fatto riferimento a quella che hanno chiamato "Repubblica popolare di Belgorod", un chiaro riferimento alle repubbliche popolari dei filo russi create nelle regioni ucraine di Donetsk e Luhansk.

Continua a leggere su Today.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Come le incursioni in territorio russo possono cambiare la guerra in Ucraina

Today è in caricamento