rotate-mobile
Giovedì, 30 Maggio 2024
Il patto / Germania

Più energia, meno vincoli: così l'Ue ha sacrificato le norme ambientali (per la Germania)

Da un retroscena sul negoziato sul price cap emerge la contropartita ottenuta da Berlino e che permette di aggirare le regole europee a protezione della natura

Dopo mesi di opposizione, il governo tedesco a dicembre ha accettato l'introduzione di un tetto al prezzo del gas in Europa. Dietro al sì di Berlino, inizialmente interpretato come un cedimento alle pressioni degli altri Paesi Ue, c'è l'ok di Bruxelles e degli altri governi nazionali a una modifica alla legislazione europea che permette di bypassare le norme sulla valutazione dell'impatto ambientale nello sviluppo degli impianti di produzione di energia rinnovabile. Solo dopo il sì a questo emendamento il governo tedesco ha accettato l'introduzione del cosiddetto price cap. 

La modifica in questione è un articolo aggiunto last-minute al testo poi approvato dai ministri dell'Energia. Come riportato da Euractiv, la norma permetterà agli Stati Ue di "esentare i progetti di energia rinnovabile, nonché i progetti di accumulo di energia e di rete elettrica necessari per integrare l'energia rinnovabile nel sistema elettrico, dalla valutazione dell'impatto ambientale". Sarà dunque possibile, per le sole infrastrutture energetiche citate dalla norma, dare il via libera ai lavori senza prima verificare il rispetto delle regole Ue di protezione ambientale. Anche la costruzione di parchi eolici o l'installazione di pannelli solari necessitano infatti di una valutazione di impatto sulla natura circostante, con procedure che spesso finiscono per rallentare o bloccare le opere.

Un portavoce del ministero tedesco dell'Economia e del clima ha successivamente confermato che le regole di autorizzazione rapida alle infrastrutture energetiche erano una parte fondamentale dell'accordo stretto da Berlino con le altre capitali Ue per dare il via libera al tetto variabile al prezzo del gas. Il governo tedesco mira infatti a rimpiazzare le risorse energetiche che non arrivano più dalla Russia con la produzione locale di energia accompagnata da nuove infrastrutture che permetteranno di far circolare con più facilità l'elettricità ottenuta da fonti rinnovabili.

Come funziona il price cap Ue e quali effetti (e limiti) ha

L'inclusione delle reti elettriche nel regolamento di autorizzazione di emergenza, quella che permette di bypassare le norme ambientali, garantirà che l'espansione della rete avvenga come previsto, hanno precisato fonti del governo tedesco che hanno implicitamente confermato la contropartita del negoziato sul price cap.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Più energia, meno vincoli: così l'Ue ha sacrificato le norme ambientali (per la Germania)

Today è in caricamento