Giovedì, 29 Luglio 2021
Attualità

Il Telegoverno dopo il telelavoro: Puigdemont, "Posso governare da Bruxelles ma non dalla galera"

Il candidato alla Generalitat in un'intervista a Catalunya Radio, "Non c'è alcun Piano B, esiste solo un piano A": "restituire il governo" ai catalani" dopo l'applicazione dell'articolo 155

EPA/STEPHANIE LECOCQ

E' da anni che la Ue promuove il telelavoro ed ora Puigdemont la prende in parola: si può governare a 1.000 chilometri di distanza ma non dal carcere. Così il candidato di Junts per Catalunya ha ribadito che la poltrona più alta della Generalitat, il governo catalano, spetta a lui, anche se dovrà continuare nel suo esilio di Bruxelles.

Il Telegoverno è un problema?

"I grandi progetti imprenditoriali e di ricerca si governano attraverso le nuove tecnologie, Europa segnala che questo è il cammino", ha affermato alla radio, "ed è evidente che non siamo nelle condizioni di normalità che ci piacerebbe avere, ma è molto più difficile, sfortunatamente, farlo dallo Stato spagnolo, dove dovremmo governare dalla prigione". 

Il Telegoverno mette a rischio l'efficienza dell'amministrazione? Per Puigdemont no, il limite non è la (sua) distanza, ma "l'inefficienza e la paralisi imposta dall'articolo 155", ossia dall'intervento di Madrid per risolvere lo strappo del referendum del primo ottobre. 

"Esiste solo un Piano A: restituire il governo ai catalani"

Il leader di Junts per Catalunya ha insistito che “l'unico piano è il piano A” e questo passa per “la restituzione del Govern”, il governo catalano, al momento gestito dall'esecutivo di Madrid grazie all'applicazione dell'articolo 155.  Puigdemont non ha però chiarito che formula sceglierà, o potrà scegliere, per intervenire nel dibattito di investitura. Prima di questo passaggio, Puigdemont dovrà riunirsi con il fresco nominato a Presidente della Camera catalana, Roger Torrent, un incontro che dovrebbe realizzarsi nel Parlamento o nella Generalitat catalana, "ma la riunione si potrà fare logicamente solo a Bruxelles".

"Il Re non può intervenire"

Puigdemont ha anche ribadito che la nomina del Presidente spetta ai deputati catalani e che il Re non potrà intervenire in un secondo tempo, al momento della sua firma di ratifica: "il Capo della Stato non ha alcun diritto a sovvertire il mandato costituzionale". Un'eventualità, quella del sovrano che si trova di fronte alla firma della nomina di Puigdemont, che il Partito popolare cerca di evitare in tutti i modi spingendo sul Tribunale costituzionale perché intervenga e sospenda la sessione di investitura e renda quindi impossibile la nomina del leader degli indipendentisti. 

Investiture o blocco, il futuro del Govern si gioca a cronometro

Il partito della secessione preme per realizzare la sessione il 31 gennaio, come previsto, i costituzionalisti per ritardarla dando tempo alla massima corte spagnola di intervenire. Il futuro del governo catalano si gioca in meno di due settimane. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Telegoverno dopo il telelavoro: Puigdemont, "Posso governare da Bruxelles ma non dalla galera"

Today è in caricamento