menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il caso Farkas, da capo della vigilanza bancaria Ue alla guida della lobby finanziaria

Il Parlamento europeo in una risoluzione aveva chiesto di limitare i suoi contatti con le istituzioni Ue per evitare i conflitti d'interesse e ora anche il Mediatore comunitario ha deciso di aprire un'inchiesta

Era il capo dell'Autorità bancaria europea (Abe), l'agenzia Ue che ha il delicato compito di sorvegliare il mercato bancario europeo, ma a inizio febbraio diventerà il Ceo dell'Associazione dei mercati finanziari in Europa (Afme), lobby che rappresenta le principali banche di investimento.

Porte girevoli

Il cambio di carriera di Adam Farkas, e il rischio di conflitto d'interesse che i contatti che l'uomo si è potuto fare negli ultimi anni comporta, sta facendo molto discutere a Bruxelles tanto che il Mediatore europeo ha deciso di aprire un'inchiesta sulla mossa. Anche perché l'Afme spende fino a 5 milioni di euro l'anno nell'attività di lobby sulle istituzioni dell'Ue, occupandosi di questioni regolamentari e dei mercati dei capitali, secondo il registro per la trasparenza dell'Ue.

La risoluzione del Parlamento

Come ricostruisce Politico nonostante l'Abe abbia stabilito norme che disciplinano le attività di Farkas una volta che ha lasciato il suo incarico nell'Ue, il suo passaggio diretto dall'autorità di regolamentazione bancaria alla lobby ha suscitato una forte risposta da parte del Parlamento europeo che in una risoluzione il mese scorso aveva chiesto a tutti gli eurodeputati di astenersi da ogni contatto con il finanziere per due anni a partire da quando inizierà a lavorare per l'Afme chiedendo anche di negargli il badge per l'ingresso nelle strutture dell'Assemblea comunitaria.

L'inchiesta del Mediatore

Ora difensore civico europeo, Emily O’Reilly, ha deciso di indagare su come Farkas sia arrivato ad acquisire il ruolo di leader della lobby nonché le sue responsabilità nell'Abe durante il periodo in cui era già a conoscenza del nuovo lavoro ma non aveva ancora informato l'Autorità, chiedendo anche alla stessa di fornire la documentazione sul come ha valutato e infine approvato la mossa di Farkas. L'approvazione dell'Abe per il nuovo ruolo di Farkas includeva restrizioni sulle sue attività iniziali con Afme, tra cui vietargli di contattare il personale dell'agenzia per 24 mesi dopo aver assunto il nuovo lavoro e di impegnarsi a non fare lobby per il settore bancario per 18 mesi. Inoltre, il ruolo di Farkas all'interno dell'Abe era già stato ridotto dal 31 ottobre, assicurandosi che non partecipasse più alla politica dell'agenzia e al lavoro di vigilanza. Ma questo potrebbe non bastare.

Informazioni sensibili

"La mossa fornirà potenzialmente alle più grandi banche europee e globali informazioni sensibili su un organismo chiave istituito proprio per regolamentare queste stesse banche", ha denunciato Shonan Kothari, della coalizione Change Finance.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Estate alle Maldive? Il Paese offrirà il vaccino ai turisti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento