rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
L'accusa / Bielorussia

"Mobili di Ikea prodotti grazie allo sfruttamento dei prigionieri bielorussi"

Un'indagine ha rivelato che la metà dei principali fornitori della multinazionale svedese nell'ex Paese sovietico aveva legami con le colonie penali gestite dalle autorità di Alexander Lukashenko

Ikea è accusata di aver utilizzato, seppur indirettamente, manodopera di prigionieri bielorussi. Secondo quanto rivelato da un'indagine condotta dall'Ong francese Disclose il gigante svedese avrebbe stipulato contratti con fornitori che a loro volta sfruttavano manodopera proveniente da colonie penali utilizzate dal regime di Alexander Lukashenko, regime che è accusato di sopprimere le voci pro-democrazia e pdi brutalizzare e torturare i dissidenti.

La multinazionale, che a marzo ha tagliato i ponti con i fornitori dell'ex Paese sovietico a causa della guerra in Ucraina, ha negato parzialmente le accuse, ma ha ammesso di non poter escludere al 100 per cento questa possibilità. "Purtroppo non esiste al mondo un sistema abbastanza forte da garantire l'azzeramento del rischio di cattiva condotta", ha spiegato all'Afp il numero uno mondiale dell'arredamento.

Il gigante svedere ha affermato di rifiutare il "lavoro forzato" e il lavoro carcerario. "Per verificare che i fornitori rispettino questi requisiti, disponiamo di un processo consolidato, che comprende valutazioni delle lacune, controlli di conformità e monitoraggio dei piani d'azione in caso di deviazioni", ha dichiarato Ikea.

"Il regime di Lukashenko costringe i prigionieri a lavorare gratuitamente e li usa come manodopera gratuita, compresi i prigionieri politici", ha dichiarato a Politico Franak Viačorka, consigliere principale della leader dell'opposizione bielorussa in esilio Sviatlana Tsikhanouskaya. "Molti sono stati condannati ad anni di lavori forzati per aver partecipato a marce, per aver sostenuto l'Ucraina o per aver criticato Lukashenko", ha aggiunto: "Incoraggiamo tutte le aziende occidentali a interrompere qualsiasi collaborazione con il regime, con le aziende statali, con qualsiasi istituzione legata al governo".

Il rapporto tra la Bielorussia e Ikea si è consolidato a partire dal 1999. A poco a poco, lo Stato bielorusso, che possiede tutte le foreste del Paese, è diventato il secondo fornitore di legname di Ikea dopo la Polonia. Nell'ambito della strategia di approvvigionamento "Go Belarus" di Ikea, l'azienda ha triplicato l'acquisto di legname bielorusso, che è passato da 130 milioni nel 2018 a 300 milioni nel 2021, secondo l'agenzia di stampa statale bielorussa.

La multinazionale era già stata esposta a uno scandalo sul lavoro carcerario, quando, nel 2012, a seguito di un'indagine interna, aveva ammesso di aver ricorso al lavoro forzato di prigionieri politici nella Germania dell'Est negli anni '70 e '80 per produrre alcuni dei suoi mobili.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Mobili di Ikea prodotti grazie allo sfruttamento dei prigionieri bielorussi"

Today è in caricamento