menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Carabinieri sequestrano un bene in una operazione contro la Camorra /  ANSA/ CARABINIERI

Carabinieri sequestrano un bene in una operazione contro la Camorra / ANSA/ CARABINIERI

I beni dei criminali potranno essere confiscati con più facilità anche in un altro Stato membro

Il Consiglio ha raggiunto un accordo su un testo, da negoziare ora anche con il Parlamento, per rendere più semplice attaccare le proprietà della criminalità in tutta Europa

L'Unione europea affina le armi per la lotta contro le attività criminali del continente. Gli Stati membri hanno trovato un accordo su un orientamento generale riguardo al progetto di regolamento sul reciproco riconoscimento degli ordini di congelamento e di confisca dei beni, beni che sarà più semplice colpire anche se si trovano in un altro Stato membri. Ora il Consiglio è pronto ad avviare i negoziati con il Parlamento europeo. Per Bruxelles il congelamento e la confisca effettivi di beni ottenuti attraverso attività criminali rappresentano una misura importante per combattere il finanziamento della criminalità, compreso il terrorismo.

"È molto importante assicurare che 'il crimine non paghi'. Migliorando il reciproco riconoscimento degli ordini di congelamento e confisca, possiamo agire più rapidamente e privare i criminali dei loro fondi ovunque si trovino nell'Ue. Ci aiuterà a prevenire che il i fondi sono utilizzati per finanziare nuove attività criminali, compreso il terrorismo", ha dichiarato Urmas Reinsalu, ministro della Giustizia dell'Estonia, Paese con la presidenza di turno dell'Ue e che ha quindi gestito le trattative sulla questione.

I punti dell'accordo

Diversi i principali punti dell'accordo raggiunto. La legislazione su congelamento e confisca sarà soggetta a un regolamento unico, direttamente applicabile in tutti i Paesi membri. Ciò dovrebbe risolvere le questioni legate alla messa in atto degli strumenti esistenti, che hanno dimostrato di avere un livello di riconoscimento reciproco insufficiente.

Il regolamento coprirà una portata più ampia di tipi di confisca, anche quella basata sulla non-condanna, come ad esempio la confisca preventiva, a condizione che esista un chiaro collegamento a un reato. Verranno poi standardizzati i documenti e le procedure, che miglioreranno la velocità e l'efficienza degli ordini di congelamento e confisca e infine si garantirà il rispetto dei diritti delle vittime per il risarcimento e la restituzione nei casi giudiziari transfrontalieri.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento