Huawei, manager cinese arrestato in Polonia con l'accusa di spionaggio

Dopo il caso della vicepresidente fermata in Canada, nuova grana per il colosso delle telecomunicazioni di Pechino. Sullo sfondo, il fututo della rete 5G in Europa

Le autorità di Varsavia hanno arrestato per spionaggio un cittadino cinese, direttore delle vendite per il ramo polacco di Huawei, e un ex membro dei servizi segreti polacchi dell'Abw ora impiegato nel settore delle telecomunicazioni. Lo ha riferito l'emittente polacca Tvp. Il ministero degli Esteri cinese si è detto "altamente preoccupato" per l'arresto del connazionale. Il cittadino polacco, indicato come Piotr D., avrebbe lasciato l'Abw dopo accuse di corruzione, ma non era mai stato formalmente incriminato.

I due uomini sono stati arrestati martedì, ma la notizia è stata resa pubblica solo oggi quando il tribunale ha convalidato il loro stato d'arresto per i prossimi tre mesi. Se condannati rischiano fino a dieci anni di carcere. La polizia ha intanto perquisito gli uffici di Huawei in Polonia e della compagnia di telecomunicazioni Orange Polaska per la quale lavora Piotr D.

Huwaei, Ue: "Rischi per la sicurezza" 

L'anno scorso le due società hanno lavorato assieme sulla nuova rete di telefonia mobile 5G nel paese europeo. Stati Uniti, Australia e Nuova Zelanda hanno escluso Huawei dalle reti 5G, temendo che Pechino si serva della compagnia cinese per operazioni di spionaggio. Meng Wanzoui, figlia del fondatore di Huawei e responsabile finanziario della società, è stata arrestata a dicembre in Canada con l'accusa di aver violato le sanzioni americane contro l'Iran. E pochi giorni dopo, anche l'Unione europea, per voce del vicepresidente Andrus Ansip, aveva sollevato preoccupazione per i "rischi per la sicurezza" che potrebbero essere legati alle attività in Europa del gigante cinese. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Ah,ah,ah avete voluto vendere l'anima al diavolo cccp asiatico nel voler fare le palanche, adesso lo avete nel pupù, era bello da vedere che la Cina amica della CCCP avrebbe fatto di tutto per prevalere come potenza comunista un'ombra del gigante Urss che stà dietro ad essa, un pò come i Giapponesi non hanno vinto con la guerra ma astutamente hanno usato l'economia, la quale se usata bene è un'arma micidiale , già si possono distruggere interi paesi senza bombe, vedi la Grecia ,ecc.

    • Rasserenati

Notizie di oggi

  • Lavoro

    Banche e risparmiatori truffati, perché l’Italia potrebbe chiedere i danni all’Ue

  • Attualità

    Stop alle aziende cinesi nei nostri appalti pubblici: Francia e Germania sfidano Pechino

  • Attualità

    “Gli italiani con l’euro”. E Borghi chiede la testa dell'addetto stampa del Parlamento Ue

  • Lavoro

    "No all'assunzione di 10mila guardie Ue di frontiera", l'Italia contro il piano di Frontex

I più letti della settimana

  • Cina, Prodi 'apre' al governo: "Italia intercetti la nuova via della seta". E sull'Ue: "Pane mezzo cotto"

  • Musulmani sotto attacco in tutta Europa. E 2 italiani su 3 non li accetterebbero in famiglia

  • “Gli italiani con l’euro”. E Borghi chiede la testa dell'addetto stampa del Parlamento Ue

  • Test alcolico pre-guida e sistema anti-distrazione: ecco i nuovi salva-vita obbligatori per le auto

  • Pensioni "care" e scuole senza fondi: sul sociale l'Italia spende più della Germania

  • Orban chiede scusa: “Non buttatemi fuori dal Ppe”

Torna su
EuropaToday è in caricamento