Diplomatici Ue hackerati per anni grazie a un banale phishing

Intercettati migliaia di cablogrammi con conversazioni riservate e informazioni sensibili. Come le preoccupazioni per il “bullismo” di Trump e per il possibile dispiegamento di armi nucleari russe in Crimea. Secondo gli esperti, gli autori sarebbero legati alla Cina

Sarebbe bastato un banale phishing per entrare nella rete informatica della diplomazia Ue e scaricare per anni migliaia di cablogrammi riservati. Con conversazioni riservate e informazioni sensibili. A rivelarlo è il New York Times, che ha pubblicato alcuni dei file intercettati. Dai quali emergono le preoccupazioni dell'Europa su un'amministrazione Trump imprevedibili, sulle lotte per trattare con la Russia e la Cina e sul rischio che l'Iran rivitalizzi il suo programma nucleare. 

Un banale phishing

In totale, sono 1.100 i cablogrammi finora scoperti dall'azienda di sicurezza informatica Area1. Un esperto di cybersecurity ha spiegato al quotidiano statunitense che i metodi utilizzati dagli hacker sono simili a quelli usati in passato da militari cinesi. E che comunque non sono stati necessari grossi sforzi per entrare nella rete riservata della diplomazia Ue: sarebbe bastata una banale campagna di phishing indirizzata ai diplomatici di Cipro. "Dopo essere entrati nel sistema di Cipro, gli hacker avevano accesso alle password necessarie per connettersi all'intero database dell'Unione europea", ha spiegato Area1.

Cosa contengono i file?

In un cablogramma, i diplomatici europei hanno definito l'incontro tra il presidente americano, Donald Trump, e il suo omologo russo, Vladimir Putin, "di successo (almeno per Putin)". In un'altra comunicazione, riportata dal quotidiano newyorkese, viene trasmesso un rapporto dettagliato con analisi di una discussione tra i funzionari europei e il presidente cinese, Xi Jinping, che paragona il "bullismo" di Trump nei confronti di Pechino a una "partita di boxe freestyle senza regole". 

Il materiale divulgato fornisce una panoramica dell'impegno dell'Europa a comprendere i disordini politici che stanno travolgendo i tre continenti. Comprende memorandum di conversazioni con leader in Arabia Saudita, Israele e altri Paesi. Con preoccupazioni che riguardano anche l'attività nucleare dell'Iran. 

I messaggi intercettati includono estesi rapporti di diplomatici europei sulle mosse della Russia per minare l'Ucraina, tra i quali un memorandum datato l'8 febbraio secondo cui la Crimea, che Mosca ha annesso quattro anni fa, è stata trasformata in una "zona calda dove potrebbero essere già state schierate testate nucleari". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco gli aerei più pericolosi da non prendere, l'Ue pubblica la 'lista nera'

  • Finlandia, la nuova premier ha 34 anni e due mamme

  • Auto elettriche, 7 Paesi Ue finanziano l'industria delle batterie. C'è anche l'Italia

  • La Disneyland svedese? È un mega centro commerciale (con un reality show)

  • Rivolta nel partito di Farage: “Per attuare la Brexit bisogna votare Johnson”

  • “Stop ai barconi, porteremo 50mila migranti in Europa con i corridoi umanitari”

Torna su
EuropaToday è in caricamento