Legge "anti guardoni" nel Regno Unito, fino a due anni per una foto sotto la gonna

La pratica cosiddetta dell'upskirting diventerà un reato penale. La campagna promossa da una giovane che aveva subito l'abuso durante un festival ha avuto il sostegno di Parlamento e governo

Tempi duri per i guardoni del Regno Unito. Il Parlamento del Paese approverà una legge che renderà un reato penale, passibile di una condanna fino a due anni di carcere, del cosiddetto upskirting. Si tratta di una pratica voyeurista che consiste nello scattare segretamente una fotografia sotto la gonna di una donna. La sottosegretaria alla Giustizia, Lucy Frazer, ha annunciato che il governo appoggerà il disegno di legge presentato da una deputata liberale, Wera Hobhouse, che intende mettere fuorilegge la pratica. “Questo comportamento è un'intollerabile intrusione nella vita privata di molte donne che lascia le vittime in condizione di grande avvilimento”, ha dichiarato Frazer, dicendosi convinta che “trasformando questo comportamento in un reato, inviamo il messaggio chiaro che non sarà tollerato e che i responsabili saranno puniti”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il fenomeno pare piuttosto diffuso nel Regno Unito e fra i casi recenti più clamorosi c'è quello di un imprenditore, Andrew Macrae, a cui la polizia ha trovato un 'archivio' di ben 50mila immagini rubate a donne sconosciute. La campagna per rendere un reato l'upskirting è partita da una 26enne, Gina Martin, che ha denunciato di essere stata vittima di questa pratica ad un festival a Londra. Nella folla un ragazzo le aveva scattato una foto sotto la gonna e aveva cominciato subito a farla girare tra i suoi amici. Lei stessa se ne è accorta e ha preso uno di questi cellulari portandolo ai poliziotti che erano presenti dicendo di voler denunciare il fatto. Ma dopo cinque giorni le forze dell'ordine le hanno fatto sapere di non poter procedere contro il ragazzo che le aveva scattato le foto. Così lei ha deciso di dare vita a una campagna con una petizione online, indirizzata al governo, in cui chiedeva di rendere illegale l'upskirting. La petizione ha ricevuto più di 100mila sottoscrizioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Per l'Ue anche l'Italia è zona rossa: si salva solo la Calabria (che però perde il "bollino" verde)

  • Svezia sicura della sua strategia, elimina anche le restrizioni per anziani e vulnerabili

  • L'Olanda manda i malati di Covid in Germania: "Nelle terapie intensive solo 200 posti ancora liberi"

  • Dopo la Brexit il Regno Unito pensa di espellere i senzatetto stranieri

  • La Corte Ue "salva" il taglio dei vitalizi agli eurodeputati italiani

  • Si rifiuta di stringere la mano alle donne. Negata cittadinanza a medico libanese

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento