Solo un italiano ai negoziati sul programma del nuovo Parlamento Ue. Ed è del Pd

Nessun esponente di Lega e M5s ammesso tra i 40 parlamentari che tracceranno la rotta futura dell'Eurocamera. Pesa l'esclusione dalla maggioranza dei due partiti di governo in Italia

Se il programma della prossima legislatura del Parlamento europeo, che partirà a luglio, avrà un'impronta italiana, seppur piccola, il merito non sarà della Lega o del Movimento 5 stelle. Ma di un esponente dell'opposizione di centrosinistra al governo gialloverde. Già, perché tra gli oltre 40 negoziatori dei principali gruppi politici che stanno discutendo le priorità legislative di 500 milioni di europei l'unico portacolori italico è Roberto Gualtieri, deputato del Pd riconfermato a Strasburgo.

La folta pattuglia leghista e quella M5s sono fuori dalla stanza dei bottoni. Il motivo è che nessuno dei due partiti è membro dei gruppi che stanno formando la nuova maggioranza che terrà le redini dell'Ue, al Parlamento ma anche in Commissione: ci sono il Partito popolare europeo, i Socialisti&Democratici, i liberali di Renew Europe (lex Alde) e i Verdi. In questi gruppi, siedono in totale 26 italiani: 19 del Pd tra i socialisti, 6 di Forza e 1 della Svp nel Ppe. I popolari non hanno espresso italiani tra i loro negoziatori, mentre il centrosinistra ha nominato tra gli altri Gualtieri.

Il caso: Vertice Ue a 6 per decidere le poltrone. E l'Italia non c'è

E cosi' toccherà all'eurodeputato romano, già presidente dell'importante commissione Economica nella legislatura uscente, a tenere alta la bandiera tricolore. Altri Paesi, come Germania, Francia e Olanda possono contare su un numero maggiore di rappresentanti. Del resto, i negoziati sul programma di lavoro non sono roba di poco conto, anzi: è da questi tavoli che usciranno temi e calendario su cui si concentrerà il lavoro dell'Eurocamera nei prossimi anni. 

I gruppi di negoziatori saranno divisa per tematica, "ambiente e cambiamento climatico", "digitalizzazione e intelligenza artificiale", "Stato di diritto, frontiere e migrazioni", "Europa nel mondo" e "politiche economiche e fiscali e commercio". Gualtieri siederà in quest'ultimo gruppo, che dovrà affrontare questioni calde come il Patto di stabilità, la lotta all'evasione e gli accordi commerciali, in primis il Mercosur, che molte organizzazioni agricole italiane contestano. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I lavoratori stranieri bocciano l'Italia: “Economia senza prospettive”. Meglio il Vietnam

  • Meloni contro l'Ue: “Blocca seggiolini auto anti-abbandono”. Ma è davvero così?

  • Cinque posti dove sei pagato solo per viverci. E c'è anche l'Italia

  • Migranti, il governo tedesco si spacca sulla 'solidarietà' all'Italia

  • Regno Unito nuova Singapore, paura Ue: con la Brexit Londra mega paradiso fiscale

  • Dalle meduse la soluzione per pulire il mare dalla plastica

Torna su
EuropaToday è in caricamento