rotate-mobile
Venerdì, 27 Maggio 2022
La bocciatura / Paesi Bassi

Lo studio: il Green pass poco utile per fermare la diffusione del Covid

Una ricerca commissionata dal governo olandese sostiene che anche nel migliore degli scenari il passaporto, anche quello rafforzato, riduce solo di poco l'indice di riproduzione del contagio

Il Green pass e anche quello rafforzato sono ormai inutili per fermare la diffusione del Covid-19. Lo afferma uno studio commissionato dal governo olandese, richiesto per valutare l'opportunità di mantenere o meno il sistema denominato 3G (geimpft/genesen/getestet, che vuol dire vaccinato/guarito/testato), attualmente in vigore, e quella di introdurre il 2G (geimpft/genesen, vaccinato/guarito).

Il ministro della Salute Ernst Kuipers aveva affermato di voler aspettare i risultati della ricerca prima di decidere se introdurre pass rafforzato, ma ora sarà "più difficile difendere una strategia 3G o 2G basandosi sulla nostra ricerca", ha detto all'emittente NOS, Niek Mouter, il professore che ha guidato lo studio condotto nelle università di Delft, Utrecht ed Erasmus tra dicembre e gennaio. Quando la variante Delta del virus era dominante, la politica del Super Green pass avrebbe funzionato meglio di quella attuale del passaporto vaccinale semplice, hanno scritto i ricercatori, secondo cui invece ora che la variante Omicron è dominante, non è più così. I pass da soli non sarebbero più sufficienti per prevenire un numero crescente di infezioni, mentre testare tutti funzionerebbe meglio, cosa che però è praticamente impraticabile.

Come riporta DutchNews.nl i ricercatori hanno affermato che l'introduzione del 2G in tutti i luoghi, a parte le scuole e il lavoro, ridurrebbe l'indice R, cioè tasso di riproduzione del virus, di meno del 10% nello scenario più favorevole mentre l'estensione del 3G ovunque, a parte la scuola e il lavoro, ridurrebbe solo del 5,4% il tasso di riproduzione. E nessuna delle due misure sarebbe comunque sufficiente per portare l'indice R sotto l'uno, e fare in modo cioè che la presenza del virus cominci a ridursi. Al momento, dato che la variante Omicron è molto più contagiosa, il tasso di riproduzione si attesta attorno all'1,8.

"Col sistema 2G si presume che le persone che non sono state vaccinate avrebbero quindi meno contatti rischiosi, ma non è sempre così", ha affermato il professor Mouter, secondo cui ciò significa che la riduzione del tasso di infezione con il Green pass rafforzato potrebbe essere in pratica inferiore al 10%.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lo studio: il Green pass poco utile per fermare la diffusione del Covid

Today è in caricamento