Ora è la Grecia a presentare il conto alla Germania: "Paghi i debiti di guerra"

Secondo una stima di Atene, l'occupazione nazista durante la Seconda guerra mondiale avrebbe causato danni per 270 miliardi. Che adesso il governo Tsipras rivuole (almeno in parte) indietro

Il premier greco Tsipras e la cancelliera tedesca Merkel durante un vertice Ue a Bruxelles

La settimana scorsa, il governo aveva dovuto cedere alle pressioni dei creditori dell'Eurozona, tedeschi in testa, decretando lo stop alla legge che per anni ha consentito alle fasce più povere del Paese di non vedersi confiscare la casa dalle banche. La "vendetta", se cosi' si puo' definire, è arrivata ieri sera: il Parlamento greco ha dato il via libera alla richiesta di risarcimenti nei confronti della Germania per i danni subiti a causa dell'occupazione nazista durante la Seconda guerra mondiale. Tra i pochi contrari, i neo-nazisti di Alba Dorata. 

"Rivendicare i debiti di guerra dalla Germania è un dovere storico ed etico per la Grecia", ha detto il primo ministro ellenico Alexis Tsipras, spiegando che la richiesta di risarcimenti sarà spedita nei prossimi giorni a Berino e includerà, tra le altre cose, le riparazioni per la distruzione materiale e lo smantellamento delle capacità produttive del Paese, i risarcimenti per i parenti delle vittime e il recupero dei tesori archeologici rubati e del prestito forzoso del 1942 (imposto dai nazisti all'allora governo greco). Secondo l'ultima stima ufficiale di Atene, l'ammontare dei risarcimenti si aggirerebbe intorno ai 270 miliardi di euro.

Non è la prima volta che tale questione sale alla ribalta in Grecia: diversi governi in passato avevano provato a battere i pugni con la Germania per recuperare parte dei danni subiti durante la guerra. Ma Berlino si è sempre opposta alle richieste di Atene, sostenendo che la questione sia stata chiusa definitivamente nel 1960 nell'ambito di un accordo con diversi Paesi europei. Una posizione ribadita dal portavoce della cancelliera Angela Merkel: "La questione delle riparazioni tedesche è stata definitivamente risolta, sia giuridicamente che politicamente - ha detto - I tedeschi sono consapevoli della loro responsabilità storica".

Di diverso avviso Tsipras, per il quale il capitolo delle riparazioni è ancora aperto: " Si tratta di un passo essenziale per essere in grado di costruire un futuro migliore nelle nostre relazioni con la Germania", ha spiegato, aggiungendo che "il nazionalismo e il razzismo minacciano di riportare l'Europa nel buio dell'odio e mettono in pericolo le grandi conquiste degli ultimi 70 anni. Non dobbiamo permetterglielo".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • A 74 (settantaquattro!!) anni dalla fine della guerra mi sembra una richiesta un tantino fuori tempo massimo. Non vorrei che la Tunisia chiedesse un risarcimento a noi per la distruzione di Cartagine....

  • Cax, i prossimi siamo noi.

  • se davvero i crucchi ono consci delle lro responsabilita' storiche,che paghino

Notizie di oggi

  • Attualità

    "Regole Ue anti fake news una totale stronzata, minacciati da Google e Facebook"

  • Attualità

    Candidata denuncia molestie, il partito la mette fuori lista: il caso che scuote la Svezia

  • Attualità

    Accusati truccare i test d'inglese, Londra espelle centinaia di studenti stranieri

  • Attualità

    Elezioni europee, arriva il test per aiutare gli indecisi 

I più letti della settimana

  • Tensione tra Italia e Austria: "Siete come la Grecia", "Pensi prima di parlare"

  • "Il vero volto dei sovranisti Ue: al fianco delle lobby e contro famiglie e lavoratori"

  • Anche la Germania apre ai monopattini elettrici

  • Meloni: "Far votare i militari all'estero". Ma dimentica 3 milioni di italiani

  • "L'Ue impone all'Italia di dare le case popolari ai rom". Ma è una bufala

  • Migranti, cosa dice la lettera dell'Onu che accusa l'Italia di violazione dei diritti umani

Torna su
EuropaToday è in caricamento