I ginecologi francesi minacciano lo sciopero dell'aborto

La proposta shock di un sindacato per obbligare il governo ad ascoltare il malcontento della categoria. La ministra della Salute: “Inammissibile prendere in ostaggio le donne per una protesta”

Foto Ansa EPA/HAYOUNG JEON

L'Unione nazionale dei ginecologi ostetrici di Francia (Syngof) ha minacciato di mettere in atto uno sciopero degli aborti, in una protesta shock che avrebbe lo scopo di obbligare il governo ad ascoltare il malcontento della categoria. La ministra della Salute, Agnès Buzyn, ha definito l'idea "inammissibile" e ha "condannato" il gesto che a suo avviso se messo in atto avrebbe come risultato quello di "prendere in ostaggio le donne".

Il sindacato, che rappresenta circa un quarto dei ginecologi e ostetrici della Francia, ha scritto ai suoi 1.600 membri chiedendogli di prepararsi a smettere di praticare interruzioni volontarie di gravidanza per "farsi sentire" e forzare la mano del governo sulla questione dei massimali assicurativi. Nel Paese è stato fissato un tetto a quanto può essere pagato dalle compagnie assicurative in caso di condanna per errore medico. Ciò significa che i ginecologi possono essere obbligati a pagare di tasca propria migliaia o addirittura milioni di euro. Il sindacato vuole che le autorità pubbliche offrano una copertura migliore.

La ministra Buzyn ha affermato che “in nessun caso si dovrebbero tenere le donne in ostaggio in questo modo usandole come leva nei negoziati o per ottenere visibilità sui media”. Contrario a questa protesta anche l'Ordine dei medici del Paese che l'ha definita “totalmente contraria all'etica medica”. La ministra per le Pari opportunità, Marlène Schiappa, ha parlato invece di “ricatto inaccettabile” e ha definito “vergognoso” il fatto che sia stato anche solo ipotizzato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non è la prima volta che il Syngof finisce nella bufera. Il presidente Bertrand de Rochambeau aveva scatenato le polemiche proprio il mese scorso quando aveva paragonato l'aborto a un omicidio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Ue "promuove" la Calabria sul Covid: unica regione verde in Italia e tra le poche in Europa

  • Il décolleté della premier divide la Finlandia: "Fa la modella invece di pensare al Covid"

  • Altro che Mes, l'Italia pronta a rinunciare anche ai prestiti del Recovery fund

  • Conte va via e lascia Merkel a rappresentare l'Italia al vertice Ue. La Lega attacca (ma è la prassi)

  • È vero che l'Ue vuole tassare la prima casa? Sì, ma solo se sei ricco

  • Il villaggio di Babbo Natale è in crisi per colpa del Covid

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento